Azioni Netflix: a Wall Street proseguiranno le vendite? - Borsa e Finanza

Azioni Netflix: a Wall Street proseguiranno le vendite?

Azioni Netflix: a Wall Street proseguiranno le vendite?

Dopo il pesante sell off della scorsa settimana, a Wall Street azioni Netflix ancora sotto la lente degli investitori. La correzione innescatasi durante le scorse settimane sui mercati azionari americani dovrebbe proseguire anche oggi in apertura di giornata ed il titolo che senza dubbio sarà attenzionato dagli investitori non potrà che essere Netflix, dopo che il sell-off di venerdì scorso ha causato la peggiore performance giornaliera degli ultimi 9 anni. Le azioni Netflix, che nel 2020 in piena Pandemia erano stati  uno dei titoli vincenti di Wall Street grazie alle severe restrizioni messe in campo da tutti i Paesi, ora inizia a pagare il ritorno alla normalità e tutto questo si è materializzato nei dati trimestrali comunicati nella serata di giovedì scorso.

 

Trimestrali USA: i dati del quarto trimestre 2021

Oltre ai numeri deludenti del quarto trimestre, a peggiorare la situazione è stato l’outlook riguardante il trimestre in corso che prevede un aumento dei nuovi abbonati di appena 2,5 milioni di unità, decisamente al di sotto dei 3,98 milioni di nuovi abbonati del primo trimestre del 2021, e ancora peggio rispetto ai +6,93 milioni attesi dagli analisti. Oltre al “reopening” dell’economia ha pesato sui numeri la competizione più agguerrita presente nel settore con la presenza di Amazon, Disney ed Apple.

 

Azioni Netflix: analisi tecnica e strategie operative

Il sell-off di venerdì scorso ha indebolito ulteriormente la struttura grafico delle azioni Netflix, la cui correzione era già partita nel mese di Novembre quando i prezzi avevano toccati i top di periodo sulla soglia dei 700 dollari. Nel breve è possibile che questa fase correttiva possa proseguire in direzione dei prossimi supporti posti che troviamo in area 350 dollari e a seguire un ritorno sui minimi del Marzo 2020 situati nei pressi dei 295-300 dollari.

Al rialzo un primo segnale di positività si avrebbe solo con il ritorno delle quotazioni sopra gli ex supporti ed ex resistenze di Maggio 2021 situati in area 460-465 dollari con primi target rialzisti posti sulla soglia dei 500 dollari, dove si andrebbe a chiudere l’ampio gap down lasciato aperto nella seduta di venerdì scorso. Al tempo stesso ogni rimbalzo che non dovesse spingersi oltre i 460-465 dollari potrebbe rappresentare una possibile occasione per aprire posizioni ribassiste.

 

Post correlati

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Calpers: ecco cosa ha comprato e venduto il più grande fondo pensione USA

McDonald’s lascia la Russia: a Wall Street cosa fare con titolo?

Space economy: ecco 4 azioni su cui puntare

Grano: l’India vieta l’export e i prezzi salgono al massimo da 2 mesi