Binance studia fondo di salvataggio da 2 miliardi per settore cripto - Borsa&Finanza

Binance studia fondo di salvataggio da 2 miliardi per settore cripto

Criptovalute: ecco come funziona il fondo di salvataggio di Binance

Il numero uno di Binance, Changpeng Zhao, ha reso noti i dettagli del piano di salvataggio del settore delle criptovalute attraverso la creazione di un fondo che potrebbe arrivare fino a 2 miliardi di dollari. A questo fondo prenderebbero parte investitori che hanno l’obiettivo di sostenere aziende crittografiche che si trovano in crisi di liquidità. Binance metterebbe a disposizione 1 miliardo di dollari inizialmente, ma la cifra potrebbe raddoppiare in base alle circostanze. Per ora si conosce la partecipazione di soggetti come Jump Crypto, Polygon Ventures, Aptos Labs, Animoca Brands, GSR, Kronos e Brooker Group, che insieme verseranno una cifra complessiva di 50 milioni di dollari.

Zhao ha riferito che il suo intento è quello di limitare i danni al settore crittografico, dopo che FTX ha presentato istanza di fallimento. Al riguardo, Binance US sta programmando il rilancio della sua offerta per Voyager Digital, entrando in competizione con altre società come CrossTower che hanno puntato l’exchange. Inoltre, Zhao è in trattativa con Genesis, la cui situazione appare molto critica vista la sua esposizione in FTX e che ora sta cercando 1 miliardo di dollari per coprire il buco finanziario che si è creato. Secondo Zhao, se crolla Genesis ci sarà un impatto solo su alcuni grandi attori istituzionali; quindi, il suo intento è quello di fare in modo che il danno potenziale venga attutito.

 

Criptovalute: quanto sarà credibile Binance nel salvataggio del settore?

La comunità finanziaria esprime delle perplessità sulla capacità di Binance di tenere a galla un settore che sta imbarcando acqua da ogni parte. Anche perché proprio un tweet di uno dei più grandi exchange del mondo ha contribuito ad affossare FTX. Il 6 novembre, la società ha fatto sapere che stava liquidando il token di FTX, FTT, per 530 milioni di dollari, scatenando il panico nel mercato e facendo emergere una voragine finanziaria nell’azienda di Sam Bankman-Fried. Questo ha attirato l’attenzione del Parlamento britannico, che ha chiesto a Binance di spiegare le ragioni del tweet e se la società fosse pienamente a conoscenza dell’impatto che avrebbe avuto sui mercati delle criptovalute.

Due giorni dopo il famoso tweet, il broker crittografico si è offerto di salvare FTX, salvo poi ritirarsi dall’accordo il giorno successivo, una volta messo il naso sulla situazione finanziaria e commerciale che risultava dai conti e dai contratti della società con sede alle Bahamas. Secondo Hayden Hughes, Amministratore Delegato della piattaforma di social trading Alpha Impact, “c’è troppa incertezza nel mercato perché il fondo di recupero stesso possa essere il catalizzatore che cambia tutto”. L’esperto ritiene che l’entità del contagio ancora non si conosca, sebbene si sia arrivati vicino al fondo. A giudizio di David Adams, gestore di portafoglio del King River Digital Assets Fund, il mercato seguirà con attenzione l’indirizzo di portafoglio del fondo, per vedere quanto sia ampio il supporto del settore per la stabilizzazione.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *