Cash Collect: Unicredit rilancia sui certificati con Airbag - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Cash Collect: Unicredit rilancia sui certificati con Airbag

L'immagine mostra una persona, di cui si vede solo la mano, che colloca un re degli scacchi in cima a un muretto fatto di mattoncini di legno, al riparo dalle altre pedine sottostanti

Protezione e rendimento. Sono i due obiettivi che si è posta Unicredit nella strutturazione della nuova serie di Cash Collect messi in quotazione sul mercato SeDeX di Borsa Italiana. Si tratta di 8 nuovi certificati costruiti su panieri di azioni italiane ed estere che, oltre a offrire rendimenti potenziali mensili, possono scadere anticipatamente già a partire dal terzo mese dal lancio. Inoltre, essendo dotati di meccanismo step down, la possibilità di rimborso prima della scadenza finale di gennaio 2028 aumenta ogni sei mesi. Alla scadenza finale, infine, in caso di esito negativo dell’investimento entrerà in funzione il fattore protettivo Airbag.

 

I numeri della nuova emissione di Cash Collect

La nuova emissione di certificati Airbag Cash Collect Step Down di Unicredit ha una durata quadriennale e prevede il pagamento di premi mensili condizionati che vanno dallo 0,89% (10,68% annuo) del prodotto con ISIN DE000HD28DB7 su Nexi, Nvidia ed STMicroelectronics all’1,24% (14,88% annuo) dell’ISIN DE000HD28DE1 che ha per sottostanti Generali, Banco BPM, Enel e Stellantis.

La condizione per il pagamento del premio è che tutti i sottostanti quotino alla data di osservazione a un valore superiore o pari alla barriera, secondo il meccanismo del worst of. Le barriere sono posizionate al 60% o al 50% del valore iniziale dei sottostanti, dunque sono caratterizzate da una profondità elevata. Tutti i certificati sono dotati di effetto memoria che permette di recuperare i premi eventualmente non incassati alla prima occasione in cui si verificano le condizioni per il pagamento.

La scadenza anticipata, come detto, potrebbe arrivare dopo soli tre mesi dal lancio, ovvero ad aprile 2024, se tutti i sottostanti quotassero a un valore superiore o pari al valore iniziale. Dopo sei mesi, ossia da ottobre 2024, e per i sei mesi successivi, il trigger per la scadenza anticipata scenderebbe al 95% e così via, ogni sei mesi, fino a una riduzione massima del 15%.

In caso di mancata scadenza anticipata, alla scadenza finale diventa ancora più semplice ottenere il rimborso del valore nominale, oltre al premio mensile e ai premi eventualmente non incassati in precedenza. La struttura dei Cash Collect prevede infatti l’esito positivo dell’investimento se tutti i sottostanti quotano a un valore superiore o pari alla barriera.

Ciò significa che anche in caso di ribassi fino al 40% (o al 50% per alcuni certificati) di uno o più sottostanti, l’investimento termina in guadagno. Al contrario, nel caso in cui anche un solo sottostante si trovi a scadenza al di sotto del livello barriera, l’investimento termina in perdita ma entra in funzione l’ulteriore protezione dell’Airbag.

Per capire come funziona l’Airbag, si consideri il certificato con codice ISIN DE000HD28DA9 su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e Société Générale, dotato di una barriera al 50% del valore iniziale dei sottostanti. Se, alla data di osservazione finale, anche una sola delle tre azioni si trovasse al 40% del valore iniziale, un certificato non dotato di Airbag restituirebbe 40 euro sui 100 di valore nominale.

Grazie all’Airbag, invece, l’investitore riceverebbe in questo caso 80 euro (100 euro x 40%/50%), limitando la perdita al 20%, ossia 20 euro per certificato.

 

La composizione dei panieri sottostanti

L’emissione di Airbag Cash Collect di Unicredit, quotata sul SeDeX, è composta da 8 certificati su panieri di azioni italiane ed estere. Sono presenti panieri con tre e quattro azioni sottostanti.

Due certificati sono concentrati su titoli italiani. Si tratta dell’ISIN DE000HD28DE1 su Generali, Banco BPM, Enel e Stellantis, e dell’ISIN DE000HD28DC5 su Intesa Sanpaolo, Stellantis e Telecom Italia.

È invece un paniere puramente settoriale, concentrato sul settore bancario l’ISIN DE000HD28DA9 su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e Société Générale. Gli altri panieri contengono almeno un’azione non direttamente legata al settore di riferimento, come nel caso del DE000HD28D86 su Ferrari, Ford e Tesla, con tre titoli automobilistici ma che rispondono a fattori diversi.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *