Elon Musk: ecco tutti i progetti dell'imprenditore sudafricano - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Elon Musk: ecco tutti i progetti dell’imprenditore sudafricano

Elon Musk: in arrivo una nuova piattaforma social?

Nella biografia che gli ha dedicato, il giornalista Ashlee Vance definisce Elon Musk “l’uomo che sta creando il futuro”. Ma tra aziende rivoluzionarie di veicoli elettrici e missioni spaziali private, esperimenti su social media, intelligenza artificiale e interfacce neurali, quali sono tutti progetti messi in piedi dal businessman sudafricano? La persona (quasi) più ricca del mondo si è guadagnata l’etichetta di imprenditore più controverso della nostra epoca proprio per la capacità di innescare ondate di innovazione, massimizzare i profitti e promettere l’impossibile.

 

Elon Musk: tutti i suoi progetti

Sin dagli inizi le imprese di Elon Musk si fanno conoscere per le turbolente vicissitudini. Prima di diventare l’Iron Man in carne e ossa, il tycoon sudafricano fonda Zip2 con suo fratello Kimbal e il collega Greg Kouri: un’azienda di software per il web che grazie a un finanziamento di 200.000 dollari (tra gli angel investor c’è il padre Errol) sviluppa guide cittadine online con mappe, indicazioni e pagine gialle da vendere ai giornali. Tra i primi clienti ci sono il New York Times e il Chicago Tribune.

Zip2 funziona e nel 1999 Compaq compra l’impresa per 307 milioni di dollari: dalla cessione del suo 7%, Musk intasca 22 milioni. Passano pochi mesi e quello che di lì a breve diventerà l’imprenditore più visionario e audace della Silicon Valley fonda X.com, compagnia di servizi finanziari online e di pagamenti via e-mail tra le prime assicurate dal governo federale. Nel 2001, dalla fusione di X.com e Confinity di Peter Thiel, Max Levchin e Luke Nosek, nasce PayPal, l’attuale gigante globale dei pagamenti.

Nel 2022, ad appena un anno dall’operazione, PayPal è acquisita da eBay per la cifra mostruosa di 1,5 miliardi di dollari: Musk è il maggiore azionista della società con l’11,72% delle azioni e dalla vendita ottiene la bellezza di 175,8 milioni. È il capitale che serve per lanciare SpaceX e Tesla, tra i suoi progetti più ambiziosi ancora in piedi. Tra quelli tramontati, invece, spiccano Thud (una media company satirica lanciata con Ben Berkley e Cole Bolton per progetti editoriali politicamente scorretti come TacStorm e DNA Friend) e soprattutto OpenAI, laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale ideato con Sam Altman e che nel novembre 2022 presenta sul mercato ChatGPT.

 

Tesla

Dopo aver investito sull’energia solare con SolarCity, Musk rivoluziona il settore dell’automotive con Tesla, la casa di veicoli ecosostenibili e all’avanguardia. Fondata nel 2003 come Tesla Motors su iniziativa degli investitori Martin Eberhard e Marc Tarpenning, si trasforma in poco tempo da piccola start-up nella maggior azienda produttrice di auto elettriche al mondo, superando colossi quali General Motors e Ford. Dal lancio commerciale della Roadster nel 2009, Tesla diventa sinonimo di un’auto completamente elettrica, dalle ottime prestazioni e a buon mercato. Dal 29 giugno 2010 la società è quotata a Wall Street nel listino NASDAQ con il ticker TSLA.

 

SpaceX

Musk si guadagna l’appellativo di miliardario eccentrico nel giugno del 2002, quando fonda SpaceX: una delle poche attività private a fornire servizi di trasporto spaziale. La società di Hawthorne progetta e realizza in-house le componenti dei suoi veicoli, lancia in orbita i vettori Falcon 9 e Falcon Heavy e le navicelle Dragon e Starship, chiude diversi accordi con la NASA per raggiungere l’ISS (la Stazione spaziale internazionale) e soprattutto mette a punto Starlink, una costellazione di satelliti che offre una connessione ad Internet in banda larga a livello globale. Ma il vero traguardo di Musk è un altro: colonizzare Marte, come in Total Recall di Paul Verhoeven.

 

Neuralink

Nel luglio del 2016 Musk presenta Neuralink, una start-up di neurotecnologie che punta a sviluppare delle originali BCI, interfacce neurali mai utilizzate prima d’ora: microchip collegati al cervello umano per migliorare le abilità cognitive e assistere le persone con malattie e disturbi neurologici. Il prodotto principale dell’azienda si chiama Telepathy: l’annuncio del primo impianto wireless inserito nel cervello di un paziente umano – la sperimentazione è chiamata PRIME e ha avuto il via libera dalla FDA, la Food and Drug Administration – fa schizzare alle stelle il valore della società. “Immaginate se Stephen Hawking potesse comunicare più velocemente di un dattilografo o di un banditore: questo è l’obiettivo”, spiega Musk.

 

X (ex Twitter)

L’uccello è libero: così Musk annuncia al mondo nell’ottobre del 2022 l’acquisto di Twitter, il social network dell’uccellino blu. L’imprenditore prende il controllo della piattaforma dal suo creatore Jack Dorsey per la cifra di 44 miliardi di dollari. “Acquisto Twitter perché è importante per il futuro della civilizzazione avere una piazza comune digitale dove un’ampia gamma di idee può essere discussa in modo salutare senza ricorrere alla violenza”, chiarisce il mogul sudafricano. Sotto accusa finiscono i media tradizionali che “hanno alimentato gli estremismi”: è il primo passo del cosiddetto “Twittergate”, la presunta collusione tra l’ex leadership del social, l’FBI e i piani alti del governo americano per esercitare forme di controllo e censura sui contenuti sensibili, dalla pandemia alle elezioni presidenziali del 2020. Dal 28 ottobre 2022, in seguito al passaggio di proprietà, si consuma il delisting dal NYSE, dove TWTR era arrivato nel 2013. Il 23 luglio 2023 scatta il cambio di denominazione: da Twitter a X.

 

The Boring Company

Infrastrutture avveniristiche e tunnel sotterranei per sconfiggere il problema del traffico che “distrugge l’anima”. The Boring Company è la start-up di Musk (nata nel 2017 come sussidiaria di SpaceX con 675 milioni di dollari in finanziamenti di serie C) che vuole costruire una rete di gallerie come sistema di trasporto alternativo: i mezzi, completamente autonomi o con un autista in carne ed ossa, permettono ai passeggeri di muoversi da un punto all’altro della rete evitando il passaggio sulla superficie. A TBC è legato pure Hyperloop, il progetto di trasporto ultraveloce su rotaia (treni 2.0 ad altissima velocità) chiuso nel dicembre del 2023.

 

xAI

La risposta di Musk a ChatGPT, Bard, Bing Chat e simili si chiama Grok ed è uno strumento di intelligenza artificiale generativa senza filtri né censure. Questo assistente virtuale fuori dagli schemi, con un accesso in tempo reale all’enorme bacino di informazioni di X per generare le sue risposte, è il primo prodotto svelato da xAI, start-up di ricerca sulle IA nata con l’obiettivo dichiarato di “cercare di capire la natura dell’universo”. Nel dicembre del 2023, in appena nove mesi di attività, xAI raccoglie oltre 134 milioni di dollari e lancia ufficialmente la sfida alle Big Tech che dominano il settore.

Tra tutti i progetti attivi di Elon Musk, infine, non va dimenticata la Musk Foundation, fondazione che si propone di “fornire sistemi di energia solare nelle aree colpite da calamità naturali; sostenere la ricerca, lo sviluppo e l’advocacy per l’esplorazione umana dello spazio, la pediatria, l’energia rinnovabile e l’intelligenza artificiale sicura; sostenere gli sforzi educativi nel campo della scienza e dell’ingegneria”. Ad oggi la Musk Foundation ha sostenuto oltre 400 donazioni milionarie in favore di enti di ricerca e organizzazioni non profit. La missione di Musk è aprire il Texas Institute of Technologies and Science (TITS), un’università per bambini prodigio e adolescenti brillanti dove approfondire le loro doti nelle discipline STEM.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *