Enel: nuovi accordi nel green daranno forza al titolo? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Enel: nuovi accordi nel green daranno forza al titolo?

Enel: nuovi accordi nel green daranno forza al titolo?

In una giornata contrassegnata dalle forti vendite alla Borsa di Milano, il titolo Enel cerca di tenere le posizioni grazie anche ad un contratto arrivato nelle ultime ore nel settore eolico. Nello specifico è la sua controllata Enel Green Power ad aver siglato un accordo di 12 anni con Bhp Group per la realizzazione del primo parco eolico australiano, da 151 milioni di dollari, nella parte occidentale del Paese.

La costruzione del parco eolico, la cui produzione annuale sarà di 315 gigawatt l’ora, darà la possibilità a Bhp di disporre di una fonte di energia rinnovabile al 100% per le sue operazioni di nichel nell’Australia occidentale, con l’obiettivo di fornire produttori di auto elettriche come Tesla che richiedono catene di approvvigionamento a emissioni zero. Questa notizia segue quella arrivata pochi giorni fa e che ha visto Enel Green Power firmare con la Commissione Europea un accordo, per un finanziamento agevolato a fondo perduto da quasi 120 milioni di euro, per lo sviluppo della gigafactory Tango presso la fabbrica 3Sun di Catania; questa avrà una capacità di produzione di pannelli solari innovativi di 3 Gigawatt l’anno, 15 volte superiore a quella attuale, ed entrerà in pieno esercizio entro luglio 2024.

 

Azioni Enel: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo a vedere cosa ci suggerisce l’analisi grafica delle azioni. Il rimbalzo innescatosi il 7 marzo di quest’anno sul titolo Enel non ha al momento modificato quel trend ribassista che, partito dai massimi del 2021 in area 9 euro, aveva spinto le quotazioni fin verso i 5,30 euro. Nel breve per dare seguito al recupero in atto i prezzi dovrebbero spingersi oltre le prime resistenze situate nelle vicinanze dei 6,25-6,30 euro. Il superamento di questi livelli, dove peraltro transita il supertrend daily, rafforzerebbe il rimbalzo con primi target situati in area 6,50-6,55 euro. Solo con una conferma oltre questi livelli il titolo Enel porrebbe le basi per target più ambiziosi posizionati sui 7 euro e a seguire 7,30 euro. Al contrario segnali di rinnovata debolezza si avrebbero con discese sotto la soglia dei 6 euro con primissimi target sui 5,90 euro e a seguire 5,65 euro; nell’eventualità che anche quest’ultimi livelli dovessero essere “bucati” al ribasso si aprirebbero le porte per un ritorno sui minimi di periodo posizionati sin area 5,30 euro.

 

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *