ETF: la differenza tra NAV e prezzo di mercato - Borsa&Finanza

ETF: la differenza tra NAV e prezzo di mercato

Un trader osserva un grafico delle quotazioni su uno schermo

Chiunque voglia investire in un’attività finanziaria, si pone la domanda su quale sia il prezzo. Per gli strumenti finanziari quotati su mercati regolamentati, in special modo se liquidi, il prezzo di riferimento viene definito dalla legge della domanda e dell’offerta ed è disponibile facilmente. Si pensi al prezzo delle azioni quotate su Borsa Italiana. Lo stesso vale per gli ETF, strumenti molto apprezzati dagli investitori anche per la facilità con cui possono essere scambiati. Tuttavia, quando si prende in considerazione un Exchange Traded Fund ci si potrebbe trovare di fronte a due prezzi, o meglio due valori. Non si tratta della classica distinzione tra prezzo denaro e prezzo lettera, ossia di acquisto e di vendita, ma del NAV o Net Asset Value che affianca il valore di Borsa.

 

Cos’è il NAV e a cosa serve?

Il NAV è il valore reale di un ETF e viene calcolato alla fine della giornata di contrattazioni. Il Net Asset Value viene utilizzato anche per altre attività finanziarie, come per esempio i fondi comuni di investimento. Tuttavia, in quest’ultimo caso, il NAV è l’unico prezzo disponibile all’investitore. Per gli ETF, invece, esiste anche la quotazione di Borsa (altrimenti non potrebbero essere scambiati durante l’orario di contrattazione).

Ma se il valore reale dell’ETF è il NAV, significa che il prezzo di quotazione in Borsa non riflette la realtà? Non è così, anche perché gli ETF hanno raggiunto un’efficienza molto elevata e spesso i due prezzi sono quasi coincidenti. Il NAV è il valore netto a prezzi di mercato degli strumenti contenuti nell’ETF. Quindi, in altre parole, il valore netto di una quota del portafoglio del fondo composto dalle singole azioni in esso contenute. Il Net Asset Value è, in termini matematici, il rapporto tra il valore totale del patrimonio netto del fondo e il numero complessivo delle quote in circolazione. Gli investitori possono trovare i NAV di tutti gli ETF quotati in Italia sul sito di Borsa Italiana, aggiornato alla chiusura di ogni giornata di contrattazione.

 

La quotazione degli ETF

Come detto poco sopra, quando un investitore vuole investire in un ETF, il prezzo a cui deve fare riferimento è quello di quotazione in Borsa che varia durante la giornata di contrattazioni in base alla domanda e all’offerta. Non è possibile acquistare al valore del NAV. Lo stesso vale per la vendita dell’ETF sul mercato.

Valore di quotazione e Net Asset Value non coincideranno quasi mai e tuttavia la relazione tra i due è molto stretta. In effetti le variazioni nella quotazione dei titoli che compongono il portafoglio dell’ETF durante la giornata di contrattazione, concorrerà a determinare il NAV finale così come la valorizzazione dello strumento in Borsa corrisponderà al valore degli strumenti che sono contenuti all’interno del portafoglio. Pertanto, un ETF molto liquido e capitalizzato avrà una buona probabilità di quotare un prezzo molto vicino a quello del NAV. Per strumenti più sottili o di nicchia invece avremo delle differenze più marcate, che diventeranno ancora più ampie nelle fasi di volatilità elevata dei prezzi.

In generale, negli ultimi anni, le differenze tra le due valutazioni si sono ridotte sia per il miglioramento delle qualità gestionali degli ETF, sia per la presenza sul mercato dei market maker che offrono liquidità in acquisto e in vendita anche nelle fasi meno liquide della contrattazione, come per esempio quelle con elevata volatilità.

È comunque interessante sapere quale sia il NAV dell’ETF, soprattutto per i trader che acquistano e vendono il prodotto anche all’interno della stessa giornata di contrattazioni. Una discrepanza elevata tra i due valori potrebbe infatti favorire delle opportunità per fare un buon trading o, viceversa, suggerire di evitare quel prodotto. L’iNAV, Indicative Net Asset Value, è una stima del NAV durante le contrattazioni e si ottiene mediante complessi meccanismi automatizzati di valutazione.

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *