EUROZONA, VENDITE AL DETTAGLIO DELUDENTI - Borsa e Finanza

EUROZONA, VENDITE AL DETTAGLIO DELUDENTI

eurozona

A maggio, Eurostat rileva un -0,3%. Giù le vendite di autovetture

Le vendite al dettaglio nell’Eurozona a maggio sono scese dello 0,3% su base mensile, dopo una revisione dello 0,1% in calo nel mese di aprile e mancando le aspettative del mercato, che avevano previsto un +0,3%. Si tratta del peggior calo registrato in tutto il 2019. Secondo Eurostat è la compravendita delle autovetture ad aver subito le maggiori perdite: -1,3% (rispetto allo 0,2% rilevato ad aprile). Giù anche cibo, bevande e tabacco: -0,5% a maggio (rispetto allo 0,2% rilevato nel mese precedente).

IN AUMENTO LE VENDITE SU INTERNET
Anche le vendite di prodotti non alimentari sono diminuite: -0,1%,  dopo essere rimaste invariate nel mese di aprile. A incidere sul dato, le minori vendite registrate sui prodotti tessili, di abbigliamento e calzature (-0,6%, rispetto al -2,1% del mese precedente). In controtendenza, sono stati registrati aumenti nelle vendite di ordini postali e internet (+2,3% a maggio contro il -2,4% ad aprile), prodotti farmaceutici e medici (+0,3% rispetto al +0,8% del mese precedente) e materiale informatico, libri e altro (0,2% vs 0,5%).  I cali più ampi si sono registrati in Croazia (-4,4%), Lituania (-3%) e Svezia (-2,8%). Gli aumenti maggiori in Portogallo (+1,5%), Spagna (+1,1%) e Belgio (+1%). Non sono disponibili i dati riferiti all’Italia.

ANALISI STORICA
Negli ultimi cinque anni, il dato peggiore per le vendite al dettaglio in Eurozona risale al mese di dicembre 2018: -1,4%. Per trovare il risultato migliore bisogna tornare indietro a novembre 2018: +2%. Dal 1995 al 2019, la media nella zona Euro è dello 0,09%. A ottobre ’99 il massimo storico: +2,8%. A maggio, nel 2011, il record negativo a -2,10%.

VENDITE AL DETTAGLIO SU BASE ANNUALE
Su base annuale, l’Eurozona ha registrato un aumento dell’1,3% a maggio, mancando le previsioni che si erano attestate all’1,6%, dopo una crescita dell’1,8% riveduta al ribasso in aprile. Dal 1996 al 2019, la media è dell’1,1%. Il massimo storico è stato raggiunto nel mese di luglio del 2000: +6%. Il minimo storico invece è pari a -4,6%, febbraio 2009.

 

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo