Fmi, Georgieva: "Crescita 2020 inferiore a quella del 2019"

FMI, GEORGIEVA: “CRESCITA 2020 INFERIORE A QUELLA DEL 2019”

fmi

L’allarme del Fmi, con la riserva di aggiornare le previsioni al prossimo World Economic Forum. Georgieva: le banche centrali agiscano assieme, buone notizie dalla Cina”

 

“Vediamo la crescita 2020 scendere sotto il livello 2019”. E’ l’allarme lanciato dalla direttrice generale dell’Fmi Kristalina Georgieva, secondo cui l’emergenza coronavirus è una “grave minaccia alla salute delle persone e all’economia globale”.

“Occorre un’azione coordinata delle banche centrali”

“Uno scenario negativo che ha iniziato a delinearsi, sfortunatamente, a partire dalla scorsa settimana” ha proseguito Georgieva, secondo cui è fondamentale un’azione coordinata da parte delle Banche Centrali: “Il livello di coordinamento negli ultimi giorni è aumentato – ha aggiunto la direttrice dell’Fmi –. Ci servono misure che portino un senso di fiducia per anticipare i rischi: uno di questi è sull’accesso al credito, non è ancora dimostrabile ma dobbiamo pensarci”. In riferimento al taglio di 50 punti i tassi federali da parte della Fed, Georgieva ha aggiunto che “in tempi di incertezza è meglio fare di più che non fare abbastanza”. Oltre alla Federal Reserve, sui tassi sono intervenute anche la banca centrale cinese, quella australiana e, nella giornata di oggi, Hong Kong e Canada. 

 

“Buone notizie dalla produzione in Cina”

Tornando alla questione del coronavirus e agli effetti dell’impatto che sta avendo sull’economia, secondo Georgieva il focus è il finanziamento di “misure urgenti per la salute delle persone, su mascherine, respiratori e equipaggiamenti di protezione medici e sanitari”. Buone notizie riguardano in questo senso la Cina: “Abbiamo ricevuto notizie incoraggianti dalle autorità sul riavvio della produzione, risalita al 16% e attesa al 19% nelle prossime settimane”.

 

“Sostegno ai paesi che avranno più bisogno”

“I 189 paesi membri del Fondo Monetario Internazionale sono uniti nell’affrontare le sfide globali collegate all’epidemia da coronavirus, e determinati a fornire il sostegno necessario per mitigarne l’impatto” è il passaggio di una nota diffusa al termine della riunione con il Comitato monetario e finanziario internazionale (Imfc), che ha chiesto all’Fmi di usare tutti gli strumenti a disposizione per sostenere i paesi più bisognosi.

Post correlati

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

Junk bond Asia: in 18 mesi bruciati 100 miliardi bruciati, ecco perché

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Calpers: ecco cosa ha comprato e venduto il più grande fondo pensione USA

McDonald’s lascia la Russia: a Wall Street cosa fare con titolo?

Lascia un commento