Football Players Exchange: cos'è e come funziona la Borsa dei calciatori - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Football Players Exchange: cos’è e come funziona la Borsa dei calciatori

Un calciatore in campo

Addio caro e vecchio Fantacalcio con i voti del martedì e le pagelle dei giornali: con Football Players Exchange il trading dei calciatori diventa un modo concreto e differente di investire e guadagnare. Lanciata dalla fintech milanese CSA Capital Market, la piattaforma di negoziazione permette agli utenti di comprare e vendere giocatori (sotto forma di criptoattività) come si fa a Piazza Affari con azioni e obbligazioni. Per giocare con successo su FPE, non è fondamentale essere esperti di finanza: l’importante è conoscere i punti di forza (e debolezza), le potenzialità e lo stato di forma dei campioni che popolano i più importanti campionati europei e di riflesso questo Fantacalcio 2.0.

 

Football Players Exchange: cos’è la Borsa dei calciatori

L’idea di Crypto Sport Asset è permettere agli appassionati di calcio di unire le competenze su dati e statistiche dei giocatori alla capacità di guardare oltre il breve termine e trasformarsi in autentici investitori. La piattaforma consente di acquistare il valore di mercato di oltre 400 calciatori presenti su un listino generato ad hoc da CSA. I trader potranno così puntare sui talenti che hanno le maggiori probabilità di apprezzarsi in futuro oppure sulla svalutazione di quel giocatori ritenuti sopravvalutati perché magari vanno in tilt nei momenti decisivi o perché appartenenti ad una generazione sul viale del tramonto.

Per garantire affidabilità e trasparenza nelle operazioni ed evitare qualsiasi tipo di manipolazione, il prezzo di ogni singolo calciatore in listino non è influenzato dalla domanda e dall’offerta come nei mercati finanziari tradizionali, ma è legato alle variazioni di un indice specifico, calcolato per ogni atleta, certificato in blockchain e basato su algoritmi di intelligenza artificiale che ne aggiornano il valore in tempo reale.

Ad elaborare l’indice di performance è Wallabies, società milanese che grazie al machine learning analizza le statistiche di ogni giocatore presente sul mercato e le sintetizza in una metrica oggettiva che va da 0 a 100. Il performance index si fonda su 7.000 variabili che descrivono il comportamento di un calciatore per ogni partita disputata. L’indice si chiama WPMVT (Wallabies Player Market Value Trend), combina il valore di partenza del giocatore (WPFMV, Wallabies Player Fair Market Value) e la sua evoluzione (WPMVTI, Wallabies Player Market Value Trend Index) in base alle prestazioni e alle transazioni di compravendita durante il calciomercato.

Ma come sono stati selezionati i 400 calciatori finiti nel listino di Football Players Exchange? I programmatori di Crypto Sport Asset hanno scelto esclusivamente giocatori:

 

  • di età compresa tra i 18 e i 33 anni;
  • che non sono portieri;
  • provenienti da squadre dei cinque maggiori campionati europei: Bundesliga in Germania, Liga in Spagna, Ligue 1 in Francia, Premier League in Inghilterra e Serie A in Italia;
  • che hanno disputato almeno 700 minuti di gioco in partite ufficiali nella stagione 2022-2023;
  • con un valore di mercato superiore ai 5 milioni di euro.

 

Impattano sulla quotazione anche le partite disputate nelle coppe, che siano quelle nazionali oppure quelle europee, dalla Champions alla Conference League. Discorso diverso per alcuni casi limite in cui la variazione dell’indice sfugge all’algoritmo, come la mancata convocazione, l’intera partita passata in panchina o l’ingresso in campo per un tempo uguale o inferiore ai 12 minuti. C’è poi la contingenza dei giocatori infortunati o squalificati: l’indice non registra variazioni per i primi 45 giorni di assenza; a partire dal 46esimo giorno, la variazione va al ribasso dello 0,75% per ogni partita non disputata dal calciatore.

 

Come funziona Football Players Exchange

Per partecipare al mercato di Football Players Exchange, occorre innanzitutto registrarsi sul sito ufficiale con nome, cognome, e-mail e password e accedere alla piattaforma. Accettati termini e condizioni, fatto il login, inserite le informazioni sulla residenza e verificati l’identità con il processo KYC e il wallet generato via MetaMask, per cominciare le negoziazioni è necessario acquistare CSAT in euro o nelle criptovalute Polygon (MATIC), USDC e Tether (USDT).

I Crypto Sport Asset Token sono gli utility token del sistema, garantiti dal cambio fisso 1 a 1 (1 euro corrisponde a 1 token) e che danno accesso a tutte le funzionalità di FPE e agli speciali riservati agli utenti. Nell’area contenuti ci sono news, analisi degli esperti, trend di mercato, webinar sui giocatori e tanto altro. Una volta comprati i CSAT, il trader pianifica il budget e stabilisce quanto destinare alle negoziazioni con la conversione in CSAC, i gettoni virtuali con cui effettuare le operazioni sui calciatori e che possono essere utilizzati esclusivamente all’interno di Football Players Exchange.

Il trading vero e proprio comincia quando si negozia al rialzo (BUY) i giocatori che si reputano destinati ad apprezzarsi e a ribasso (SELL) quelli che si stima si deprezzeranno. La quantità minima di CSAC negoziabili è pari a 10. Ogni calciatore è identificato da un ticker, proprio come i simboli azionari dei titoli in Borsa. Per esempio: Jude Bellingham, il talentuoso centrocampista inglese del Real Madrid e migliore calciatore per rendimento nella Liga spagnola con un valore YTD che supera il 70%, ha il ticker BEL05.

Quando la compravendita raggiunge un livello soddisfacente e si decide di chiudere la posizione, l’utente può farsi riaccreditare i CSAC ottenuti dalle negoziazioni, riconvertirli in CSAT e mettere questi ultimi in vendita nel mercato secondario, ottenendo in cambio euro o la crypto USDC. Il numero minimo di CSAT che si possono mettere in vendita è di 5 CSAT. Al completamento della cessione, viene applicata una fee del 2%.

In attesa del nulla osta da parte delle autorità di vigilanza dei mercati finanziari, il passo successivo di CSA (operatore di valute virtuali e non ancora intermediario finanziario) è l’emissione da parte di banche ed istituzioni finanziarie di prodotti derivati, nello specifico certificates (i derivati cartolarizzati) che avranno come sottostante l’indice sul valore di mercato dei principali calciatori internazionali.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *