GERMANIA, AFFONDA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE - Borsa e Finanza

GERMANIA, AFFONDA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE

pmi

Si tratta del più grande calo della produzione industriale tedesca dall’agosto 2015. Un crollo dell’1,9% rispetto al mese di aprile che ha sorpreso anche le stime del mercato, la cui previsione era -0,4%, dopo il +0,5% del mese precedente. Così la Germania si è svegliata raggelata dall’ennesimo dato che sottolinea il momento complicato della sua economia, confermato anche dalla Bundesbank, che ha tagliato le stime di crescita del Pil per il 2019 al 0,6%, contro l’1,6% delle precedenti previsioni, e dai dati sull’export, -3,7% ad aprile su base mensile a fronte di un -0,9% stimato dagli analisti, e del +0,6% registrato a marzo.

DETTAGLI
A far sprofondare il dato, la produzione dei beni capitali, -3,3%, i beni intermedi, -2,1%, l’energia, -1,1%, e i beni di consumo, -0,8%. In controtendenza, la produzione edilizia, che aumenta dello 0,2%.

ANALISI E SERIE STORICA
Su base annuale, la produzione industriale è scesa dell’1,8% ad aprile, dopo una diminuzione dello 0,9% a marzo. Negli ultimi 5 anni, dicembre 2017 ha registrato l’aumento di produzione più significativo: +3,1%. Il minimo storico invece è -6,9%, gennaio 2009.

MOVIMENTI DI MERCATO
Il dato è stato pubblicato prima dell’apertura dei mercati. Il Dax ha aperto in territorio positivo: +0,48%.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo