GERMANIA, FIDUCIA DELLE IMPRESE AI MASSIMI DA GIUGNO

Ifo tedesco in costante crescita da giugno: l’ultima rilevazione si attesta a quota 96,3. Euro dollaro ai massimi intraday alla pubblicazione, poi il ritracciamento

 

Mai così ottimisti negli ultimi cinque mesi. Continua a crescere l’indice Ifo in Germania, che determina il sentiment e le condizioni nel settore aziendale nella zona euro. A dicembre il valore si attesta a quota 96,3, migliorando il 95,1 rivisto del mese precedente e superando le aspettative del mercato ferme a 95,5. Migliorano anche le aspettative di business tedesco: 93,8, superiore al 93 previsto e al 92,3 precedente, e la valutazione dell’attuale situazione tedesca, a quota 98,8 dopo il 98 di novembre e il 98,1 atteso dagli analisti.


Indice Ifo a dicembre by TradingEconomics

 

Ifo, migliora il sentiment tra produttori e fornitori, in calo commercianti e costruttori

Come accennato,  è il dato più alto da giugno e per il quinto mese consecutivo in continuo aumento. A sostenere l’Ifo, il miglioramento nella valutazione delle aziende della situazione attuale (98,8 contro 98,0 a novembre) nonché delle loro aspettative (93,8 contro 92,3). In tutti i settori, l’ottimismo è migliorato tra produttori, anche se in questo caso il valore continua a viaggiare sotto lo zero (-5,0 contro -5,8) e i fornitori di servizi (21,3 contro 17,4). In controtendenza, a deteriorarsi è l’umore dei commercianti, sceso a quota 0 dallo 0,9 di novembre’, e quello dei costruttori: 17,9, in calo rispetto al 20,3 del mese precedente.

Dal 1991 al 2019, la media della fiducia delle imprese (Ifo Business Climate, che valuta un’indagine condotta presso circa 7.000 aziende) in Germania è di 98,09 punti. Il massimo storico è di 109,8, a gennaio del ’91, primo mese in cui sono state avviate le rilevazioni. Il minimo record risale invece a marzo 2009, con 80,1 punti.

 


Grafico analisi storica Ifo by  TradingEconomics

Reazione del mercato

Mezzora dopo la pubblicazione dell’Ifo, l’euro dollaro ha toccato i massimi intraday a 1,1142, prima di ritracciare e riportarsi in area 1,1130, con minimo intraday a 1,1121 raggiunto alle 13 dopo la pubblicazione dei dati macroeconomici dell’Eurozona sostanzialmente inferiori alle attese, a partire dall’indice della produzione costruzioni su base mensile: 1,101% a ottobre dopo il +1,11 di settembre. A due ore dall’apertura di Wall Street, euro dollaro viene scambiato a 1,1122.


Grafico Euro Dollaro 30 minuti by TradingView