Investire in obbligazioni? Ecco la soluzione frazionata - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Investire in obbligazioni? Ecco la soluzione frazionata

Una moneta da un euro sta per essere inserita in un salvadanaio a forma di porcellino

Dopo anni di tassi di interesse negativi investire in obbligazioni è tornata a essere un’attività lucrativa e con rendimenti elevati. Tanto che nel corso dell’anno gli afflussi di capitale sul mercato dei bond hanno continuato a crescere. I fondi obbligazionari, per esempio, hanno raccolto 1,97 miliardi di euro nel mese di luglio e 13,61 miliardi di euro dall’inizio dell’anno secondo l’ultimo aggiornamento della Mappa del risparmio gestito di Assogestioni. Gli investitori hanno sfruttato la possibilità di costruire portafogli di obbligazioni che guardano al lungo termine.

“Soprattutto nel contesto attuale le obbligazioni sono una classe di strumenti importante per beneficiare degli alti tassi di interesse nel lungo periodo” spiega Christian Hecker, cofondatore di Trade Republic. Tuttavia si tratta di una asset class a cui non è facile accedere per l’investitore retail. In primo luogo si tratta di selezionare le obbligazioni liquide tra le migliaia a disposizione sul mercato. In secondo luogo i tagli di investimento minimi disponibili partono da 1.000 euro. Inoltre si può investire in obbligazioni solo se si passa da una banca o un consulente finanziario.

In questo contesto Trade Republic, piattaforma di risparmio leader in Europa, lancia la sua proposta volta a semplificare l’accesso alle obbligazioni. A partire dall’1 ottobre metterà a disposizione 500 obbligazioni governative e societarie liquide su cui gli utenti potranno investire su base giornaliera impegnando anche un solo euro. La società non prevede l’applicazione di commissioni percentuale sulle operazioni e per il regolamento viene applicata una tariffa fissa di 1 euro per il rimborso di costi esterni.

“In questo modo, per la prima volta in Europa, la negoziazione di obbligazioni diventa accessibile a un’amplia platea di investitori, in linea con la missione di Trade Republic di democratizzare i mercati finanziari” aggiunge Hecker.

C’è un ulteriore obiettivo che Trade Republic intende perseguire con il lancio della nuova iniziativa: avvicinare tanti giovani investitori al dettaglio che non hanno mai acquistato un’obbligazione, considerati anche gli scarsi rendimenti degli ultimi anni.

“Esiste un’intera generazione di giovani investitori al dettaglio che non ha mai comprato una obbligazione in vita sua – spiega Emanuele Agueci, regional manager per l’Italia di Trade Republic – perché i rendimenti non giustificavano il costo. Ciò cambia oggi: con i tassi di riferimento che superano il 4% e appena rialzati dalla BCE, è possibile beneficiare della minore volatilità della componente obbligazionaria e creare un portafoglio bilanciato per gli anni a venire. Investendo in titoli di Stato lista bianca inoltre, è possibile beneficiare della tassazione vantaggiosa di cui godono questi strumenti”.

Questi investitori ora possono trovare una modalità di investimento più adatta a loro, senza dover andare in filiale o passare per un consulente finanziario, con trasparenza di costi e flessibilità nella selezione degli importi da investire.

 

 

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *