Investire in viaggi e turismo? Ecco come fare con gli ETF
Cerca
Close this search box.

Investire in viaggi e turismo? Ecco come fare con gli ETF

Investire in viaggi e turismo? Ecco come fare con gli ETF

Investire in viaggi e turismo? Tra i settori più colpiti e penalizzati dalla pandemia scoppiata due anni fa, il comparto dei viaggi e del turismo offre la possibilità di puntare su un tema che potrebbe vivere una fase di forte ripresa. Ecco come fare con due ETF tematici quotati alla Borsa di Milano e a disposizione degli investitori italiani.

 

 

Investire in viaggi e turismo? Dopo i disastri causati dalla pandemia potrebbe valere la pena. Il settore dei viaggi e più in generale del turismo ha infatti subito un drastico ridimensionamento con lo scoppio della pandemia. Il consumo del prodotto turistico ma anche gli investimenti ad esso collegato, sono stati colpiti duramente dal 2020 a oggi. Diversi i fallimenti tra le compagnie aeree, agenzie turistiche o società crocieristiche. Se le persone non si muovono causa lockdown o semplicemente per paura o disagio, inevitabilmente tutto il settore soffre. E non stiamo parlando solo dei viaggi di piacere. L’intero settore dei viaggi d’affari sta uscendo ridimensionato complici nuovi metodi di lavoro come lo smart working o la preferenza per eventi da remoto rispetto a quelli fisici.

Le misure anti Covid e i vaccini hanno favorito la scorsa estate una ripresa del settore molto vivace, ma ancora il terreno da recuperare è tanto e soprattutto le nuove varianti di pandemia creano ancora una volta situazioni di incertezza come quella che stiamo vivendo in questo inverno 2021/2022. Qualche numero può essere utile per arricchire il tema di discussione. In Italia ad esempio i voli prenotati nell’agosto 2021 sono risultati il 46% in meno rispetto al 2019. Tutta la regione del Sud Europa naviga ancora un buon 30% sotto i livelli del 2019, con la sola Grecia che ad agosto di quest’anno è quasi riuscita a recuperare per intero le perdite dal 2019 (fonte Sojern). La quarta ondata di pandemia nel Vecchio Continente ha però gelato le attese di chi sperava in vacanze di Natale in giro per l’Europa come ai vecchi tempi. Nuove restrizioni e nuove paure hanno fatto ritracciare i prezzi in borsa di tutte quelle società legata al mondo dei viaggi con nuovi minimi rispetto a marzo 2020.

 

Investire in viaggi e turismo: i due ETF quotati a Piazza Affari

La speranza è dunque quella di un 2022 fuori dall’incubo con le società quotate nel mondo turistico capaci di tornare a fare utili e a investire. Come sempre gli ETF sono da preferire ai singoli investimenti su compagnie del settore, con la diversificazione offerta da questi strumenti che infatti evita il rischio di incappare in fallimenti aziendali assolutamente non da scartare in momenti così fragili come questo. Tra gli ETF tematici quotati alla Borsa di Milano, due permettono di investire in viaggi e turismo. Purtroppo entrambi con asset under management molto bassi.

Il primo ETF è di Lyxor e investe solo in azioni europee. Il Lyxor STOXX Europe 600 Travel & Leisure (ISIN LU1834988781) comprende al suo interno le società più capitalizzate operanti nel settore turistico e del divertimento presenti all’interno dell’indice Stoxx Europe 600. Ad un costo di 0,3% all’anno con una replica sintetica l’ETF a dire il vero investe anche in attività legate al mondo delle scommesse. Infatti il titolo più pesato all’interno dell’indice è proprio il bookmaker inglese Flutter Entertainment con il 22% di quota dell’ETF. Segue un altro big del settore come Evolution Gaming al 14% e ancora Entain con l’11%. La prima vera società legata al turismo è International Hotel Group seguita da Ryanair con rispettivamente pesi del 9% e del 8%. Evidente perciò come questo ETF molto esposto al mondo anglosassone solo in parte è collegato ai viaggi e per questo non risulta essere adatto per scommettere sulla ripresa del settore.

Decisamente più correlato al tema turistico e dei viaggi il secondo ETF. HANetf Airlines Hotels Cruise Lines (ISIN IE00BMFNW783) come dice il nome è un ETF che investe in società operative nel mondo alberghiero e dei mezzi di trasporto. Ad un costo di 69 punti base l’anno HANetf investe in maniera decisamente più diversificata rispetto a Lyxor come confermano i dati dei primi 5 titoli in portafoglio. Tra il 4% e il 5% i nomi che troviamo sono quelli di Hilton, Marriott, Ryanair, Royal Caribbean e Delta Air Lines. Diversificazione presente anche a livello geografico con il 60% di Stati Uniti  seguiti da UK, Cina, Giappone. A livello di singoli settori quello aereo e degli hotel fanno la parte del leone con un 44% a testa. Il resto va sul mondo delle crociere. Il tema qui sembra più centrato.

Il mondo del turismo è stato sconvolto dalla pandemia. Ancora l’uscita appare lontana ma in borsa non si compra quando lo fanno tutti, bensì quando la massa snobba un certo settore. Attraverso gli ETF che abbiamo visto oggi chi vorrà cominciare una paziente opera di accumulo potrà farlo diversificando il rischio su più emittenti. Sperando che il Covid lasci definitivamente le nostre vite il prima possibile.

 

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *