Investv: ecco cosa fare dopo parole di Powell su tassi USA

Investv: ecco cosa fare dopo parole di Powell su tassi USA

Nella puntata di Investv di oggi 1° dicembre 2022, il format realizzato da Vontobel Certificati, sono contrapposti Corrado Rondelli, per la squadra azzurra, ed Eugenio Sartorelli, della squadra gialla. Ricordiamo che l’appuntamento con Investv, come di consueto, è visibile in diretta streaming dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

Il riassunto del 30 novembre 2022

Nel corso della puntata di Investv di ieri 30 novembre 2022, Riccardo Designori, capitano della squadra gialla, ha effettuato un’operazione sul FTSE Mib. Designori ritiene che l’indice italiano sia a contatto con resistenze molto sentite nel corso dell’ultima settimana. Il trader pensa che possa arrivare un ritracciamento dell’indice. Biagio Milano, per la squadra azzurra, ha messo in campo un’operazione su Leonardo. Il trader ritiene che il titolo possa trovare spazio per tornare ai livelli di 7,80 e quindi ha deciso di impostare un ordine long.

Performance odierna:

  • Riccardo Designori per la squadra gialla: ;
  • Biagio Milano per la squadra azzurra: .

Performance complessiva:

  • Totale squadra gialla: -5,4%;
  • Totale squadra azzurra: +22,43%.

Punteggio: 19-21.

Investv: i temi della puntata del 1° dicembre 2022

I temi della puntata di Investv di oggi 1° dicembre 2022 sono: l’apertura di Powell ad una Fed meno aggressiva in tema di rialzo dei tassi, il futuro di Telecom Italia e l’interesse per Neptune Energy di Eni. Importante presa di posizione da parte di Jerome Powell, presidente della Fed, il quale, pur sottolineando che la lotta all’inflazione non è ancora finita, ha affermato che la Federal Reserve potrebbe ridurre già a dicembre il ritmo dei rialzi dei tassi di interesse. Secondo Powell, al momento, alcune domande chiave rimangono ancora senza risposta: da chiarire ancora, infatti, per quanto tempo sia necessario aumentare i tassi e di quale entità debba essere questo aumento.

Futuro quanto mai incerto, in questo momento, quello di Telecom Italia. È saltata l’ipotesi di un’Opa totalitaria su Tim. Stando a quanto scrive Andrea Biondi sul Il Sole 24 Ore, continuano a diminuire le possibilità che un’operazione Cdp-Tim possa effettivamente andare in porto, a causa del recente stop arrivano dal nuovo governo. Dopo lo stop di un’Opa totalitaria, l’alternativa potrebbe essere quella di un’Opa parziale, per la quale, comunque, rimarrebbe aperto il problema del consolidamento del debito da parte di Cdp.

Alcune fonti citate da Reuters riferiscono che Eni avrebbe avviato delle trattative preliminari per l’acquisto del produttore di gas e petrolio Neptune Energy, per un totale che si aggirerebbe intorno ai 5-6 miliardi di dollari. Per il momento le due società non hanno rilasciato alcun commento o dichiarazione ufficiale sull’operazione.

 

 

AUTORE

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *