Investv: l'inflazione europea mette sotto pressione la BCE - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Investv: l’inflazione europea mette sotto pressione la BCE

Investv: l'inflazione europea mette sotto pressione la Bce

Nella quarta puntata della settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, sarà ospite Pietro Di Lorenzo con cui andremo a commentare la situazione presente sui mercati finanziari. Ricordiamo che l’appuntamento con Investv come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto del 31 agosto 2022

Nella puntata di ieri è stato ospite Nicola Para che ha proposto una strategia rialzista sul cambio euro-dollaro. Nello specifico è stata proposta un’entrata in area 1,001, che prevedeva un target situato a 1,009 e uno stop posto a 0,993. Con una chiusura della moneta unica a 1,00638, la strategia ha visto realizzarsi una performance positiva del 4,97%.

 

I temi della puntata odierna ad Investv

Le vendite che hanno contrassegnato le ultime settimane, fanno archiviare ai mercati azionari il peggior agosto degli ultimi 7 anni. A innervosire ulteriormente gli investitori nelle ultime ore è stato il dato riguardante l’inflazione europea, balzata nell’ultimo mese al 9,1% rispetto ad attese poste al 9%. Questo vuol dire che nella riunione di settembre la BCE, dando voce ai falchi del board, potrebbe alzare i tassi di interesse di uno 0,75%.

Se l’azionario soffre, di certo non va meglio al mercato obbligazionario, con il Bund che segna nell’ultimo mese un calo del 6% e che rappresenta la peggiore performance degli ultimi 30 anni. In questo contesto il decennale statunitense si porta al 3,2%, mentre il nostro Btp si avvicina alla soglia del 4%.

Nel corso della trasmissione andremo come di consueto ad analizzare l’indice FTSE Mib le cui quotazioni si avvicinano pericolosamente alla soglia dei 21.000 punti. Quali le attese nel breve periodo? Tra i temi da trattare troviamo il settore energetico che deve fare i conti con la tassazione legata agli extraprofitti e che ha spinto nella giornata di ieri i vari titoli a chiudere in deciso territorio negativo

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *