Italia, la produzione industriale torna a crescere ma il 2019 è negativo

ITALIA, L’INDUSTRIA TORNA A CRESCERE MA E’ UN 2019 NEGATIVO

A novembre +0,1% dopo le contrazioni di ottobre e settembre. Su base annua il -0,6% è il nono ribasso consecutivo. Il bilancio dell’ultimo anno è il peggiore dal 2014

 

Si riporta in territorio positivo la produzione industriale italiana: +0,1%. Una crescita debole ma pur sempre una crescita dopo il -0,3% di ottobre e il -0,5% di settembre. Il consensus si attendevano un andamento piatto e questo è un altro dato sostanzialmente positivo, per una produzione che ha recuperato grazie ai beni strumentali (+0,8% contro il -0,8% di ottobre) e ai beni intermedi (+0,7% contro il +0,1% del mese precedente). In controtendenza, giù l’energia (-2,1% a fronte del -2% di ottobre), beni di consumo (-0,2% vs +0,2%) e beni non durevoli (-0,5% contro +0,3%).  Il contesto tuttavia resta fortemente negativo e lo dimostra il dato della produzione industriale su base annua, crollata del -0,6% pur migliorando il dato del mese precedente, -2,4%.


Grafico Produzione Industriale in Italia a novembre mese su mese by TradingEconomics

 

La media sarà negativa per la prima volta dal 2014

Secondo l’Istat, il bilancio 2019 sarà sostanzialmente negativo per le fabbriche italiane. Non bisogna dimenticare infatti le variazioni in contrazione nei mesi di luglio (-0,8%), giugno (-0,3%), aprile (-0,7%) e marzo (-1,1%). Su base annuale invece il -0,6% è il nono ribasso consecutivo in termini tendenziali. Con un mese ancora da rilevare per l’istituto di ricerca, si può già provare a calcolare la media del periodo tra gennaio e novembre: -1,4%, decisamente al di sotto della media dal 1960 al 2019, pari a +0,19%. Difficile che dicembre riesca a invertire la tendenza. In buona sostanza, il bilancio sarà negativo, per la prima volta dal 2014. Spiega l’Istat nella sua nota: “Le indicazioni mantengono un profilo negativo, suggerendo il proseguimento della fase di debolezza dei livelli produttivi”.


Grafico Produzione Industriale in Italia a novembre anno su anno by TradingEconomics

 

Reazione del mercato

Poco dopo la pubblicazione del dato, l’euro dollaro è scivolato ai minimi intraday a 1,1085, partendo dall’1,11 precedente all’uscita dell’indagine Istat. Al giro di boa ha infine recuperato il terreno perduto, riattestandosi a 1,1094.


Grafico Euro Dollaro by TradingView

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.