La crisi immobiliare cinese si sta diffondendo in tutto il mondo, quali rischi? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

La crisi immobiliare cinese si sta diffondendo in tutto il mondo, quali rischi?

La crisi immobiliare cinese si sta diffondendo in tutto il mondo, quali rischi?

La profonda crisi immobiliare cinese si sta lentamente diffondendo in tutto il mondo. Molte società stanno vendendo immobili piuttosto che aspettare un recupero del settore e tenere in bilancio perdite non realizzate. La sfiducia aumenta e la necessità di raccogliere liquidità prende il sopravvento in un momento delicato nel contesto economico globale.

Secondo Barry Sternlicht, presidente di Starwood Capital Group, il valore degli immobili a livello mondiale si è ridotto di oltre 1.000 miliardi di dollari con il calo dei prezzi derivanti dalle vendite. Il punto è che lo stillicidio di immobili in vendita è appena iniziato e non si conosce quanto potrà essere il danno futuro dal momento che i periti hanno pochi dati recenti su cui fare affidamento. Fino a alla fine del 2023, infatti, c’è stata una forte riluttanza da parte dei proprietari degli immobili a vendere a forte sconto, ma ora lo sconforto per un mercato anemico potrebbe spingere a liberarsi di un asset di peso.

 

Crisi immobiliare cinese: una tendenza pericolosa

Le conseguenze potrebbero essere disastrose. Le banche si sono esposte eccessivamente a un settore immobiliare che ha approfittato negli anni di tassi di finanziamento estremamente bassi. Ora potrebbero pagare lo scotto di fronte a molte aziende che la crisi immobiliare cinese ha reso inadempienti. Negli Stati Uniti è sotto i riflettori il caso della New York Community Bancorp, che ha dovuto tagliare i dividendi a causa del credito immobiliare in difficoltà. In Europa, la BCE è preoccupata che gli istituti di credito non abbiano ridotto il valore dei prestiti immobiliari a dovere. Nel Regno Unito invece la Financial Conduct Authority sta analizzando con attenzione le valutazioni del settore immobiliare che in quest’ultimo anno sono scese sensibilmente.

La Cina potrebbe essere una fonte di sofferenza per il Vecchio continente. Finora nell’Unione europea le vendite di proprietà cinese sono state relativamente contenute, ma in Gran Bretagna si sono fatte sentire. Questa settimana Guangzhou R&F Properties Co. ha accettato di vendere la sua partecipazione in un progetto immobiliare da 1,34 miliardi di sterline nel quartiere londinese di Nine Elms per alcune sue obbligazioni in dollari, mentre un blocco di uffici a Canary Wharf è stato ceduto per il 60% in meno rispetto a quanto fatto nel 2017 dopo un sequestro dai creditori a un investitore cinese. Lo scorso anno, Shimao Group Holdings ha liquidato un intero edificio adibito a uffici a Londra con uno sconto del 15% rispetto a una vendita concordata nel 2022. Questi sono solo alcuni esempi di una tendenza in atto che potrebbe far scendere ulteriormente il prezzo degli immobili e mettere pressione ai bilanci delle banche di tutto il mondo.

 

Pessimismo prevalente

Il mercato immobiliare cinese che si sta sgretolando accresce il pessimismo degli analisti. Recentemente il Fondo Monetario Internazionale ha affermato che la domanda di abitazioni in Cina crollerà del 50% nel prossimo decennio, mentre il mese scorso il capo dell’istituto monetario Kristalina Georgieva ha avvertito di “aggiustamenti e riforme strutturali” necessarie per evitare che Pechino vada incontro a bassi tassi di crescita.

Il mercato immobiliare rappresenta circa un quinto del PIL nazionale e l’elevata insolvenza nel settore potrebbe produrre effetti deflagranti, secondo Kyle Bass, noto gestore di hedge fund e fondatore di Hayman Capital, con sede a Dallas. La situazione attuale della Cina “è proprio come la crisi finanziaria degli Stati Uniti ed è destinata a peggiorare molto, al di là degli interventi attuali che hanno limitato le vendite allo scoperto sul mercato azionario”, ha detto.

A giudizio di Tolu Alamutu, analista del credito presso Bloomberg Intelligence, “con venditori motivati il mercato immobiliare potrebbe scongelarsi, migliorando la determinazione dei prezzi”. Tuttavia questo potrebbe implicare che “le valutazioni di portafoglio scendano ulteriormente”, ha affermato.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Una risposta

  1. Lots of people use their lotteries to raise money for useful initiatives
    that improve education, public infrastructure and interpersonal services.
    Once you play the lottery, you’re helping to finance these programs while you account your own wishes of earning it big.
    Have fun and good luck!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *