Maire Tecnimont: con Q8 nei rifornimenti a idrogeno, azioni da comprare? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Maire Tecnimont: con Q8 nei rifornimenti a idrogeno, azioni da comprare?

Maire Tecnimont nella nuova stazione di servizio a idrogeno. Azioni da comprare?

Continua il mood positivo del mercato sul titolo Maire Tecnimont che negli ultimi giorni sta usufruendo di un flusso di buone notizie societarie. Le ultime arrivano novità da Roma e riguardano il lancio della prima stazione di rifornimento a idrogeno circolare che sarà realizzata da Q8 e che vedrà la partecipazione dell’azienda di Fabrizio Di Amato. Nel dettaglio la controllata di Maire Tecnimont, NextChem, agirà da integratore tecnologico in esclusiva per l’idrogeno circolare che verrà prodotto grazie al proprio processo Waste to Chemical.

Si tratta di una tecnologia che permette di ottenere idrogeno, grazie alla conversione di scarti non riciclabili, minimizzando le emissioni di CO2.  Il progetto beneficerà dei fondi PNRR e rifornirà veicoli leggeri e pesanti per il trasporto sia pubblico che privato. L’impianto avrà una capacità a regime fino a circa 700 kg al giorno, assicurando una riduzione di emissioni di CO2 di oltre il 75% rispetto all’uso del diesel convenzionale.

L’iniziativa si inquadra all’interno del piano strategico decennale di Maire Tecnimont per la transizione energetica, in particolare nell’ambito della Business Unit Sustainable Technology Solutions che fa leva su un portafoglio tecnologico di soluzioni innovative rivolte alla decarbonizzazione. Inoltre, in occasione del lancio della stazione di rifornimento, Maire Tecnimont e Q8 hanno firmato un accordo per valutare lo sviluppo e l’implementazione di ulteriori progetti che possano andare a integrare la tecnologia Waste to Chemical nell’ambito dei vettori energetici innovativi nel nostro paese.

 

Azioni Maire Tecnimont: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo a vedere come sta rispondendo l’azione in Borsa. Con volumi al momento in discesa la seduta è all’insegna degli acquisti per il titolo Maire Tecnimont con i prezzi che, passando di mano in area 3,43 euro, cercano di avvicinarsi alle prime resistenze e top degli ultimi 2 mesi in area 3,45-3,50 euro nelle cui vicinanze troviamo la media mobile a 50 giorni e l’indicatore daily del Supertrend.

Dal punto di vista operativo l’eventuale superamento di queste aree resistenziali dovrebbe far proseguire il recupero dell’azione partito dai minimi di periodo in area 3,25 euro, in direzione di 3,60 euro e successivamente verso 3,75 euro. Nel caso in cui queste aree resistenziali dovessero essere lasciate alle spalle si avrebbe un miglioramento del trend in corso con possibili ulteriori apprezzamenti verso i 3,95 euro e successivamente i 4,10 euro. Sarà solo oltrepassando quest’ultimi livelli che aumenterebbero le chance per il titolo di tornare a mettere sotto pressione i massimi del 2023 sui 4,25 euro.

Al contrario, una discesa dei corsi sotto i 3,35 euro, dove troviamo anche la media mobile di lungo periodo, aprirebbe le porte a nuove prese di beneficio con primi obiettivi situati sui 3,25 euro. L’eventuale violazione di questi livelli andrebbe a riattivare il trend discendente innescatosi lo scorso mese di aprile da 4,10 euro, che potrebbe spingere il titolo fin verso i minimi dello scorso dicembre posti sulla soglia psicologica dei 3 euro. Fondamentale sarà a quel punto la tenuta di questi supporti per evitare un ulteriore e pericoloso indebolimento del quadro grafico, che potrebbe riportare le quotazioni fin verso i 2,80-2,75 euro.

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *