Maire Tecnimont: sell off in Borsa, titolo paga presenza in Russia

Maire Tecnimont: sell off in Borsa, titolo paga presenza in Russia

Sell off su Maire Tecnimont che paga la presenza in Russia

In una seduta che vede rimbalzare Piazza Affari fa eccezione il titolo Maire Tecnimont che in giornata ha comunicato i dati del 2021 e ha messo in guardia il mercato sulla situazione presente in Russia.

 

I risultati del 2021

Nello specifico la società ha chiuso il 2021 con ricavi pari a 2,86 miliardi (+8,9% rispetto al 2020), un Ebitda di 173,7 milioni (+0,9%), con una marginalità del 6,1% in linea con la le linee guide presentate ad inizio anno. In salita anche l’Ebit che si attesta a 130 milioni di euro (+5,1%) con una marginalità del 4,5%. L’utile netto consolidato è di 80,5 milioni (+48,5%). Approvata inoltre la proposta del pagamento di un dividendo di 60 milioni.

Inoltre nel corso dell’anno è stato raggiunto il livello più alto di sempre nelle acquisizioni pari a 6,4 miliardi di euro. Backlog record di 9,5 miliardi, di cui circa l’81% è’ costituito da progetti di Gas Monetization ed Energy Transition.  In questo contesto la posizione finanziaria a fine 2021 mostra diponibilità nette per 8,9 milioni di euro, in miglioramento di 125,8 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2020.

Ad indebolire nella giornata odierna il titolo è però proprio il Portafoglio ordini che vede il 17% di quei numeri record provenire dalla Russia. In un contesto geopolitico che si è fatto difficile nelle ultime ore, la domanda degli investitori è cercare di capire se e quanto le sanzioni che verranno applicate alla Russia potranno impattare sui conti della società.

Al riguardo la società ha comunque specificato che la composizione e la diversificazione geografica del portafoglio ordini già in atto, unita alla consistente pipeline di iniziative commerciali in tutte le geografie, conferma il già avvenuto ribilanciamento del portafoglio tra la Russia ed il resto del mondo, in relazione all’accelerazione dei programmi di investimento in petrolchimica in diverse geografie, in primis il Medio Oriente.

 

Maire Tecnimont: analisi tecnica e strategie operative

Dopo essersi spinto ad inizio del 2022 a toccare i top degli ultimi anni posti in area 4,75 euro, il titolo ha innescato una fase correttiva con le quotazioni che nella giornata di ieri sono tornati sui forti sostegni in area 3,5o euro. Il sell-off odierno (-10%) sta indebolendo ulteriormente il quadro grafico di fondo che a questo punto potrebbe riportare i prezzi in direzione dei 3 euro e a seguire verso i minimi di Luglio 2021 posti sui 2,75 euro. Solo con la tenuta di questi livelli si eviterebbero ulteriori affondi ribassisti.

Al contrario un segnale di positività giungerebbe solo con la ripresa dei 3,50 euro sopra i quali potremmo avere allunghi verso i 3,75 euro e a seguire 4 euro. Solo con conferme oltre queste resistenze verrebbe messa in un angolo la correzione partita nel mese di gennaio.

 

 

Post correlati

IPO: FCA propone nuove regole per attrarre fintech e startup

Nvidia: delude l’outlook dei prossimi mesi. Nuovi target al ribasso?

Apple: la produzione di iPhone verrà ridotta quest’anno

Terra: avviato un nuovo piano per rilanciare la cripto Luna

Unicredit studia uscita da Russia, cosa fare con le azioni in Borsa?

Lascia un commento