Nasdaq 100: quotazioni dentro canale, come operare con l’indice USA?
Cerca
Close this search box.

Nasdaq 100: quotazioni dentro canale, come operare con l’indice USA?

Nasdaq 100: quotazioni dentro canale, come operare con l’indice USA?

Dopo un decennio di crescita inarrestabile, il Nasdaq 100 in Borsa  fa i conti con l’inflazione e le tensioni internazionali che minano uno dei capisaldi su cui si fonda il valore di queste società: la fiducia nel futuro. Ed ecco allora che alla fine anche Google ha gettato la spugna. Basta assunzioni, lavorare tutti di più. È in sintesi il messaggio che l’amministratore delegato del colosso americano, Sundar Pichai, ha indirizzato qualche giorno fa ai propri dipendenti. Alcuni analisti americani hanno intravisto nella mail del manager la filigrana di un possibile taglio del personale. Ma un fatto è certo. Anche Mountain View deve fare i conti con un periodo difficile per le società tecnologiche. Dopo un decennio di crescita che sembrava inarrestabile, accelerata durante gli anni della pandemia, tutto il comparto oggi deve fare i conti con un quadro economico assai più incerto, dove inflazione e tensioni internazionali minano alle basi uno dei capisaldi su cui si fonda il valore di queste società: la fiducia nel futuro.

Un’istantanea per capire le difficoltà del 2022 la fornisce il Nasdaq100, la sezione della Borsa di New York dove si concentrano i tecnologici. Da inizio anno a oggi ha perso quasi il 23%. E l’effetto sulla vita delle imprese non si è fatto attendere. Imperativo ora è: ridurre i costi. Google ha annunciato lo stop alle assunzioni. Amazon le ha ridotte. Facebook (con la holding Meta Platforms, che comprende anche Instagram e Whatsapp) ha fermato l’arrivo di nuovi ingegneri e profili tecnici. Apple non rafforzerà più gli staff dei Genius bar. Microsoft ha annunciato un taglio dell’1% della propria forza lavoro (181 mila dipendenti).

Le cinque società appena elencate compongono, nell’ordine, l’acronimo con cui vengono indicate le società tecnologiche a più alta capitalizzazione di mercato: Gafam. Sono le più ricche. Non solo nel tech, ma nel mondo intero. Aziende con le spalle abbastanza robuste per sopportare questo periodo in attesa di tempi migliori. Ma sotto le cinque sorelle simbolo del boom della new economy c’è una pletora di altre aziende che hanno dovuto adottare misure molto più drastiche.

I tagli al personale, infatti, li ha decisi anche il colosso Tesla, che lo scorso mese ha annunciato una riduzione del 10%. Non se la vede bene Netflix: cresce meno e perde abbonati (200 mila in meno) e ha disposto 150 licenziamenti. Infine, anche Coinbase licenzierà: 1.100 persone, il 20% del proprio personale. Che sia la fine di un’era o un momento in cui il mercato cercherà un aggiustamento è difficile dirlo. A farne le spese, per ora, sono risparmiatori e dipendenti.

 

Nasdaq 100: quotazioni inserite in canale ascendente, target a quota 13.000 punti

Il Future Nasdaq100 è decisamente impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance molto positiva registrata nella seduta di ieri (oltre il 4%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate ad avvicinarsi all’importante massimo realizzato lo scorso venerdì in area 12.700. L’accelerazione rialzista, in particolare, è avvenuta quando l’indice stazionava sul livello 12.450, momento in cui la decisione motivata della Fed (rialzo dello 0,75% ma prossimo rallentamento della politica monetaria restrittiva per evitare la recessione) ha fatto spiccare il volo ai prezzi.

In realtà il mercato tecnologico americano stava salendo già da tempo, più precisamente da metà giugno (con il minimo sfiorato sul livello 11.000), muovendosi all’interno di un solido canale ascendente che vedrà presto raggiungere il target obiettivo dei 13.000 punti. Infatti, in merito alla riduzioni di personale sopraelencate, la situazione non deve essere considerata negativamente. Al contrario, è arrivato il momento per un sano aggiustamento del comparto, con l’abbattimento delle spese in eccesso, la miglior cura dei bilanci e ristrutturazioni aziendali. In pratica, se si crede ancora nel settore hi-tech, ogni storno rappresenta ancora una buona occasione di acquisto.

L’impostazione grafica, quindi, vede i corsi sul CME stazionare stabilmente al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti da qualche settimana. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 61. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 12.690 con target nell’intorno dei 12.945 punti, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 12.192 con obiettivo molto vicino al livello 11.846.

 


L’andamento di breve termine del Future Nasdaq100

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *