Nuova divisione ESG per VedoGreen, che diventa V-Finance

NUOVA DIVISIONE ESG PER VEDOGREEN, CHE DIVENTA V-FINANCE

Esg

Vedogreen lancia la nuova divisione ESG Advisory con un team di professionisti specializzati per affiancare le società nelle policy di sostenibilità

 

Con la sua nuova ragione sociale V-Finance, VedoGreen lancia la divisione ESG Advisory. Con un team specializzato e una pluriennale esperienza nel settore della green economy, la società del Gruppo IR Top, promotore della SPAC GreenItaly1, supporterà le imprese in materia di informazioni non finanziarie sulle tematiche Environmental, Social & Governance (ESG), al fine di valorizzare gli impatti delle politiche di gestione aziendale verso gli investitori istituzionali e allineare le strategie di sostenibilità alle best practice internazionalivolte alla creazione di valore per tutti gli stakeholders.

 

“Criteri Esg dalla valenza sempre più dirompente”

“la scelta di lanciare la nuova divisione ESG, evoluzione e ampliamento dei principi della green economy, si sposa con la nostra mission di affiancare le società quotate AIM Italia e le Small Cap sui Capital Markets e recepire le best practice internazionali in risposta ai requisiti di selezione degli investitori istituzionali -è il commento di Anna Lambiase, CEO di V-Finance-. Il recepimento di tali criteri ESG ha oramai assunto una valenza dirompente come mostrato anche dalle analisi condotte a livello europeo, che attestano una crescita di oltre il 50% di fondi ispirati ai criteri ESG. Stimiamo che tale crescita possa realizzarsi anche in Italia con particolare riferimento ai nuovi fondi PIR che, secondo il nostro ufficio studi, potranno apportare liquidità alle società AIM Italia per oltre 230 milioni di euro nel 2020”.

 

Una domanda sempre più forte da parte degli investitori istituzionali

Dall’esperienza “green”, V-Finance rafforza la divisione di ESG Advisory che affiancherà le società nel recepimento dei criteri ESG: dall’elaborazione di Sustainability Report nel rispetto dei GRI standard, alla definizione di politiche di Investor Engagement fino alla progettazione di piani di ESG Strategy, con l’integrazione nella gestione aziendale degli SDGs (Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. La divisione è stata creata per rispondere alla crescente domanda di investitori istituzionali coniugando l’expertise sul mercato dei capitali con le tematiche di sostenibilità al fine di approfondire e monitorare le issue ambientali, sociali e di governance e facilitare il confronto con i mercati finanziari. Il team fornirà consulenza alle società Small-Mid Cap sulle strategie ESG volte a rispondere ai nuovi requisiti imposti dalle policy di investimento nazionali e internazionali.

 

 

Crescono del 56% i fondi europei ESG, per un valore di 668 miliardi di euro

La sensibilità nei confronti delle tematiche ESG acquista un valore sempre più grande all’interno delle società, tra gli investitori istituzionali e i fondi PIR, in quanto espressione di un approccio alla gestione aziendale orientata nel lungo periodo, inclusivo di tutte le tematiche sociali e dell’ambiente e attento alla valutazione dei principali rischi operativi e non finanziari per la creazione di un “valore condiviso”. In accordo con Morningstar i fondi europei che incorporano i principi ESG nelle proprie strategie di investimento sono cresciuti del 56% nel 2019 fino a raggiungere la quota di 668 miliardi di euro. In particolare, il numero dei fondi di investimento sostenibili basati in Europa sono saliti a 2.405 con 105 nuovi fondi lanciati nel solo quarto trimestre.

La redazione di un Bilancio di sostenibilità, ovvero la dichiarazione di informazioni non finanziarie, obbligatorio per talune società ai sensi del Decreto Legislativo del 30 dicembre 2016, n. 254 che recepisce la direttiva europea 2014/95/UE, diventa best practice ed elemento distintivo per le società PMI quotate e non.

 

Una società dedicata alla finanza innovativa

V-Finance, società per la finanza innovativa e sostenibile, costituita nel 2012, ha maturato un’ampia expertise nella green economy, affiancando le principali società quotate e non operanti nel settore; nel 2013 è stata promotore della SPAC GreenItaly1, culminata con l’acquisizione di Zephyro nel 2015, poi ceduta al Gruppo Edison nel 2018. Dedicata fin dalla costituzione alla finanza “innovativa”, ha ottenuto per prima in Italia la qualifica di listing sponsor per il mercato Euronext.

 

Un evento a Milano per approfondire

Per approfondire tali tematiche V-Finance ospiterà presso la propria sede in via Bigli 19 a Milano il prossimo 18 febbraio (riservato su invito), l’evento di presentazione sugli impatti della finanza sostenibile sulle Small Cap e della nuova divisione ESG Advisory.

Post correlati

Liquidità: nei fondi mai così alta da attacco a Torri Gemelle

Bitcoin: 3 grossi problemi nell’inserimento nei piani 401 (k)

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

Junk bond Asia: in 18 mesi bruciati 100 miliardi bruciati, ecco perché

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Lascia un commento