Pil tedesco paralizzato nell'ultimo trimestre del 2019

PIL TEDESCO IMMOBILE NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2019

pil tedesco

Il mercato lo aveva previsto. Anche i consumi delle famiglie sono stagnanti. Euro Dollaro a 1,0835

 

L’economia tedesca non mostra crescita nel quarto trimestre del 2019. Una paralisi che segue l”espansione dello 0,2% registrata nei tre mesi precedenti.  Un dato negativo ma che il mercato aveva previsto. Consumi delle famiglie stagnanti e commercio netto negativo tra il -0,2% delle esportazioni (+1% tra luglio e settembre) e il +1,3% delle importazioni (-0,4% nel terzo trimestre) : questi i due settori principali che hanno determinato lo stop del Pil della Germania tra ottobre e dicembre. Nel frattempo, la spesa pubblica è cresciuta solo leggermente (0,3% contro 1,3%) e gli investimenti fissi nelle costruzioni sono aumentati dello 0,6% (rispetto allo 0,4% nel terzo trimestre) a causa, in parte, del clima mite. Contrazione del 2% per quanto riguarda infine gli investimenti in macchinari e attrezzature (-1,4% nel terzo trimestre).


Grafico Pil tedesco quarto trimestre su base trimestrale by TradingEconomics

 

Secondo le attese anche il dato del pil tedesco su base annuale

Confermato il +0,4% stimato dal consensus per quanto riguarda il Pil annuale della Germania nel quarto trimestre del 2019. Dato dunque in crescita, ma inferiore rispetto allo 0,6% dei tre mesi precedenti. Su base aggiustata per il prezzo, la crescita del PIL è stata confermata allo 0,3%, anche in questo caso al di sotto del valore registrato nel terzo trimestre pari a +1,1%. Considerando il  l’intero 2019, l’economia della Germania è cresciuta dello 0,6%, il tasso più debole dalla crisi del debito dell’Eurozona nel 2013, con i soli consumi delle famiglie e gli investimenti fissi a sostegno della crescita.


Grafico Pil tedesco quarto trimestre su base annuale by TradingEconomics

 

Pil tedesco: reazione del mercato

Il principale market mover resta il coronavirus, con tutti i mercati azionari negativi, con il franco svizzero unica valuta in netta crescita e l’euro tra le più vendute. Non a caso tra i 3 e il 20 febbraio la moneta unica ha perso più del 2% rispetto al dollaro, recuperando qualcosa nelle ultime tre sedute, complici i buoni dati provenienti dall’indice Ifo tedesco. Alla pubblicazione del dato del Pil tedesco, l’euro dollaro non ha mostrato significativi movimenti, ma tra le 10 e le 12.30, in piena contrazione nei mercati europei, ha perso lo 0,3% nei confronti del biglietto verde. Al giro di boa delle borse del vecchio continente misura 1,0834.


Grafico Euro Dollaro m15 by TradingView

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.