POWELL: FED PRONTA A SOSTENERE L'ECONOMIA USA

POWELL: LA FED FARA’ CIO’ CHE E’ NECESSARIO PER L’ECONOMIA USA

fed

Taglio dei tassi sempre più vicino. Nel discorso anche una frecciata a Donald Trump

Un’analisi degli attuali equilibri internazionali. Uno sguardo obiettivo sulle condizioni economiche degli Stati Uniti. E una frecciata alla Casa Bianca. Jerome Powell, non ha deluso i mercati. Alle 14.30 la Fed ha pubblicato il discorso che il suo governatore effettuerà davanti al congresso americano nel pomeriggio. E seppur non direttamente, il messaggio è che, salvo sorprese, la riduzione del costo del denaro  ci sarà: “Faremo tutto ciò che è necessario per sostenere la crescita americana”. Una frase molto simile a quella che più di una volta ha pronunciato Mario Draghi come capo della Bce, quando si è trattato prima di tagliare i tassi d’interesse in Europa, per poi tenerli bloccati, (l’ultima dichiarazione il 6 giugno scorso). 

WALL STREET POSITIVA, GIU’ IL DOLLARO
Non è stato esplicito Powell, ma in buona sostanza è quello che i mercati si aspettavano: un taglio dei tassi da effettuare a fine mese di 25 punti base -le cui probabilità sono cresciute notevolmente dopo la pubblicazione dei dati sul lavoro Usa-.  L’Europa ha girato in positivo, con l’eccezione di Francoforte su cui pesano ancora le vendite di Deutsche Bank e Basf. Wall Street ha avviato le contrattazioni in rialzo, Nasdaq +1,44%, +0,5% per Dow Jones e S&P500 e anche il dollaro si sta nuovamente indebolendo nei confronti dell’euro, poco dopo l’apertura dei mercati Usa il cambio è pari a 1,1255 (ieri toccati i minimi delle ultime tre settimane a 1,119). Parallelamente, si è apprezzato l’oro, tornando sopra quota 1.400 $ l’oncia.

I CONCORRENTI SI STANNO RAFFORZANDO
Tornando a Powell, il governatore della Federal Reserve ha ricordato nuovamente le numerose incertezze che pesano sull’economia americana, a partire dal rallentamento globale, passando dalle tensioni commerciali con la Cina (ma non solo: ultimamente Donald Trump sta inviando diverse minacce di dazi nei confronti dell’India), fino alla Brexit, causa dei recenti attacchi a distanza fra il presidente Usa e l’ambasciatore britannico a Washington, che ha portato alle dimissioni del rappresentante del Regno Unito. A tutto questo, Powell ha aggiunto che: “I concorrenti degli Stati Uniti si stanno rafforzando, a fronte di un mercato del lavoro comunque in salute (disoccupazione 3,6% NdR) e le cui prospettive rimangono solide”.

“L’INDIPENDENZA RENDE LA FED EFFICACE”
Infine, non è mancata, come detto, la frecciata rivolta a Trump, da tempo molto critico nei confronti del governatore della Fed e della sua politica monetaria, decisamente poco accomodante nei confronti del taglio dei tassi, soluzione, al contrario, particolarmente gradita, per usare un eufemismo, al presidente americano: “L’indipendenza ci rende efficaci” ha spiegato Powell. Un modo per ribadire ancora una volta come il controllo del costo del denaro debba rimanere in mano alla Fed e non alla Casa  Bianca. Tutto il contrario di quello che è accaduto invece in Turchia, dove il leader supremo Erdogan ha silurato il presidente della Banca Centrale Turca, facendo crollare la lira.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

Nell’ultima puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e