Prysmian: nuove commesse in Spagna, cosa fare con l’azione in Borsa? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Prysmian: nuove commesse in Spagna, cosa fare con l’azione in Borsa?

La nave Giulio Verne di Prysmian

Dopo la recente commessa ottenuta a fine giugno in Germania per 700 milioni di euro, anche il mese di luglio si conclude con la firma di un nuovo contratto per Prysmian, questa volta in Spagna. Il gruppo ha comunicato di essersi aggiudicato due commesse del valore di circa 250 milioni di euro assegnate da Red Eléctrica, il gestore dei sistemi di trasmissione della rete elettrica spagnola, per lo sviluppo di due progetti: un’interconnessione sottomarina per la trasmissione di energia tra le isole di Tenerife e La Gomera e un’altra interconnessione sottomarina tra l’entroterra spagnolo e Ceuta (città spagnola sulla costa settentrionale africana) attraverso lo Stretto di Gibilterra alla profondità massima di 900 metri.

I cavi sottomarini saranno prodotti negli stabilimenti di Nordenham (Germania) e Pikkala (Finlandia), due dei centri di eccellenza tecnologica e produttiva del gruppo per questa tipologia di prodotti. I cavi terrestri saranno invece realizzati dallo stabilimento locale del gruppo a Vilanova (Spagna). Le operazioni in mare saranno eseguite con una delle navi posacavi di Prysmian, la Giulio Verne. Il collaudo di entrambi i sistemi è previsto per il 2025.

 

Cresce la presenza del gruppo italiano in Spagna

La multinazionale guidata dall’ad Valerio Battista può vantare un solido track record nello sviluppo di interconnessioni sottomarine in Spagna: Spagna-Marocco, penisola iberica-Mallorca, Ibiza-Mallorca e Lanzarote-Fuerteventura, come confermano le dichiarazioni di Hakan Ozmen, EVP Projects Business Unit di Prysmian:

 

“Questa assegnazione conferma la fiducia reciproca e il rapporto duraturo tra Red Eléctrica e Prysmian, in quanto è l’ultima di una serie di progetti sviluppati insieme in Spagna per migliorare l’affidabilità della rete elettrica nazionale. Siamo orgogliosi di sostenere la Spagna nel raggiungere i suoi obiettivi di Transizione Energetica al 2030, attraverso la fornitura dei nostri sistemi in cavo sottomarino e terrestre all’avanguardia”.

 

Prysmian, l’analisi grafica. Pausa di consolidamento dopo il breakout dell’indicatore Supertrend

Il titolo Prysmian appare impostato al rialzo nel breve termine, nonostante la performance negativa registrata nella seduta di ieri (-1,34%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 27,73 euro, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un massimo relativo a quota 28,24, con la sorpresa di assistere a un’asta di chiusura con prezzo finale molto più in basso, a 27,99 euro.
Quest’ultimo è un livello chiave e non per niente ieri l’azione ha voluto testarlo. È da ricordare che i corsi stanno salendo ininterrottamente da metà luglio, senza ritracciamenti degni di nota, dopo aver realizzato un doppio minimo a quota 25,26 euro. Nel frattempo sono stati superati al rialzo tutti i principali indicatori tecnici: prima la media mobile a 25, poi il Parabolic Sar e infine il Supertrend.
Dunque il titolo ha bisogno di una pausa di consolidamento e potrebbe averla avviata proprio ieri stornando in area 28, diventata supporto dopo essere stata un’importante resistenza a fine giugno. In pratica, lo scenario più probabile è che nelle prossime giornate i prezzi si muovano in laterale con poca volatilità, per poi riprendere con forza la marcia verso l’ambizioso target obiettivo dei 30 euro.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 28,46 con target nell’intorno dei 30 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 27,73 euro con obiettivo molto vicino al livello 26,21.


L’andamento di breve termine del titolo PRYSMIAN

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *