Sabaf: cosa fare in Borsa dopo rinnovo buyback e aumento dividendo?

Sabaf: cosa fare in Borsa dopo rinnovo buyback e aumento dividendo?

Azioni Sabaf: cosa fare in Borsa dopo rinnovo buyback e aumento dividendo?

Sabaf, produttore di componenti per elettrodomestici, ha approvato la scorsa settimana la relazione finanziaria annuale 2021 che conferma i risultati già approvati preliminarmente e comunicati lo scorso 10 febbraio (ricavi record a 263,3 milioni, +42,4%, ebitda a 54,1 milioni, +45,9%, ebit a 37,5 milioni, +86,7%, e risultato netto a 23,9 milioni, +71,2%).

Numeri a seguito dei quali il board proporrà all’assemblea degli azionisti, convocata per il prossimo 28 aprile, la distribuzione di un dividendo ordinario lordo di 0,60 euro per azione (nel 2021 è stato pagato un dividendo di 0,55 euro) per le azioni che risulteranno in circolazione al 31 maggio (record date). Lo stacco della cedola è previsto per il 30 maggio e la data di pagamento per il 1° giugno. Inoltre, il cda ha deliberato di sottoporre all’approvazione dell’assemblea il rinnovo dell’autorizzazione all’acquisto di 1.153.345 azioni proprie con il limite massimo del 10% del capitale sociale. A oggi il numero di azioni proprie in portafoglio alla società è di 311.802, corrispondente al 2,703% del capitale sociale.
Per quest’anno Sabaf ha previsto ricavi in un range compreso tra 275 e 280 milioni di euro, in crescita del 5-6% rispetto al 2021, e una redditività in linea con i valori medi storici. “L’andamento delle vendite e il flusso degli ordini ricevuti nei primi mesi dell’anno avvalorano tali stime e a oggi non hanno subito rallentamenti”, ha precisato la società, avvertendo, però, che i dati consuntivi potrebbero discostarsi dalle previsioni a seguito degli impatti del recente conflitto tra Russia e Ucraina, “la cui evoluzione è difficilmente prevedibile“.
In merito, viene segnalato che Sabaf ha un’esposizione diretta “non significativa” verso tali mercati. Grazie al footprint produttivo internazionale e alle azioni tempestivamente intraprese, il gruppo ritiene di poter mitigare gli effetti delle forti tensioni sui prezzi dell’energia elettrica, del gas, delle materie prime e delle criticità nella logistica globale. In particolare, sono stati aggiornati i listini di vendita e sono stati parzialmente fissati i prezzi di acquisto per le forniture future.

 

Sabaf: pattern Cup & Handle potrebbe spingere le quotazioni al rialzo

Il titolo Sabaf sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance molto positiva registrata nella seduta di ieri (+5,45%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 21,3, corrispondente anche alla chiusura di giornata.

Questo comportamento è un deciso segnale di forza dell’azione, che vede i propri corsi arrestarsi momentaneamente su una importante resistenza già toccata lo scorso 22 marzo. Ci sono, però, molte probabilità, che tale quota venga superata nelle prossime sedute. Se si amplia l’orizzonte temporale, infatti, partendo dalla configurazione ad U iniziata a metà febbraio, a cui ne sta facendo seguito un’altra di dimensioni più ridotte, è possibile osservare un (raro) pattern grafico denominato “Cup & Handle”, di chiara tendenza rialzista. L’importante è che i corsi superino a breve la soglia dei 21,30 euro.

Anche l’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti da poco. Così come l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 57. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 21,30 con target nell’intorno dei 22,10 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 20,60 con obiettivo molto vicino al livello 19,80.


L’andamento di breve termine del titolo SABAF

Post correlati

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

DiaSorin: analisti apprezzano accordo con Brahms, cosa fare con azioni?

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Lascia un commento