Settore difesa: con aumento spese militari, quali attese su Leonardo?
Cerca
Close this search box.

Settore difesa: con aumento spese militari, quali attese su Leonardo?

Settore difesa: con aumento spese militari, quali attese su Leonardo?

Il settore della difesa è stato sotto i riflettori per tutto il 2022 dopo lo scoppio del conflitto tra Mosca e Kiev. La guerra nel cuore dell’Europa ha spinto diversi Stati a incrementare le spese e gli investimenti militari. Un altro tema molto caldo è quello legato alla cybersicurezza, nuovo campo di battaglia tra Nazioni ai tempi dell’economia digitale. Se gli analisti sono positivi sulle prospettive dell’italiana Leonardo, cosa fare ora in Borsa? Vediamo la view espressa dagli analisti di Vontobel Certificati nella loro Newsletter settimanale (Clicca QUI per iscriverti).

 

Settore difesa: analisti positivi su titolo Leonardo

Il settore della difesa è tornato sotto i riflettori nel 2022, a causa la guerra tra Russia e Ucraina. Di recente, in USA è stata approvata una legge per la difesa da 858 miliardi di dollari, il 10% in più rispetto ai 778 miliardi di dollari del 2021. A maggio 2022 la Commissione Europea ha comunicato che gli Stati del blocco hanno annunciato piani per aumentare i loro budget per la difesa di 200 miliardi di euro nei prossimi anni. Nelle ultime settimane inoltre Josep Borrell, alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha detto che il Vecchio Continente sta mirando ad un incremento della spesa per la difesa da 70 miliardi entro il 2025. In Italia invece, l’Osservatorio Mil€x evidenzia come le stime preliminari basate sulla nuova Legge di Bilancio vedano un incremento complessivo degli investimenti nel settore della difesa per oltre 800 milioni di euro. Restando sempre in territorio italiano ma spostando lo sguardo al mercato azionario si potrebbe prendere in considerazione Leonardo.

Dall’inizio del 2022, la società ha dato vita ad una performance di circa il 22%, oltre il -13,7% del FTSE Mib e meglio anche del 12,36% dell’indice STOXX Europe Total Market Aerospace & Defence. Guardando alle stime Bloomberg, gli utili per azione rettificati dovrebbero passare dagli 1,35 euro di fine 2021 a 1,88 euro nel 2025. I ricavi sono invece attesi in crescita da 14,135 miliardi di euro a 16,991 miliardi. Gli esperti prevedono anche un aumento dei dividendi da 0,14 euro del 2021 a 0,18 euro nel 2025. Un focus va posto anche alla questione multipli.

Il rapporto P/E di Leonardo è al momento della scrittura pari a 6,53x, un valore inferiore rispetto a competitor come Airbus (20,88x), BAE System (19,23x) e Lockheed Martin (17,52x). Per la società vi è un’opinione positiva anche tra i 18 analisti censiti da Bloomberg: 16 forniscono un giudizio “buy”, 1 “hold” e 1 “sell”. Il prezzo obiettivo medio a 12 mesi è di 11,96 euro, il 55,7% in più rispetto alle quotazioni attuali. Infine, da evidenziare l’esposizione geografica della società che guarda principalmente agli USA, dove vi sono il 60,75% delle strutture dei clienti. Stando a quanto evidenziano diversi analisti, il Paese dovrebbe registrare una recessione (o comunque un rallentamento economico) meno pronunciata rispetto all’Eurozona ed è storicamente incline ad un continuo aumento delle spese per la difesa.  

 

Azioni Leonardo: ecco cosa dice l’analisi grafica

Da un punto di vista grafico, le azioni Leonardo si mantengono al di sopra della linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 30 ottobre e 20 dicembre 2020. La discesa sotto questo intorno, accompagnata da quella dei 7 euro, permetterebbe ai venditori di accelerare le vendite verso la successiva soglia psicologica a 6 euro. Per i compratori, verrebbe interpretato positivamente un superamento degli 8 euro, dove passa la trendline disegnata con i massimi dell’8 e 21 giugno 2022. In tal caso, ci sarebbe la possibilità di assistere ad un impulso positivo che in prima battuta potrebbe spingersi sugli 8,50 euro, dove verrebbe chiuso il gap down aperto dal 29 agosto 2022. Nell’eventualità di nuovi rialzi l’obiettivo successivo si troverebbe nei pressi dei 9 euro. 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *