Settore gaming: nel 2022 atteso rallentamento ma outlook positivo
Cerca
Close this search box.

Settore gaming: nel 2022 atteso rallentamento ma outlook positivo

Settore gaming: nel 2022 atteso rallentamento

Il settore del gaming ha segnato un rallentamento nella prima parte del 2022. Si tratta di un movimento naturale dopo la corsa legata alla pandemia. Il futuro appare però ancora roseo secondo le previsioni degli esperti. Il calo delle quotazioni rappresenta dunque un’opportunità di investimento? Vediamo la view degli analisti di Vontobel nella Newsletter Idea d’investimento (Clicca QUI per iscriverti). 

 

Dopo la crescita dovuta principalmente agli effetti della pandemia, i dati SensorTower mostrano come la spesa per i videogiochi mobile è scesa per la prima volta su base annuale sia nel 1° che nel 2° trimestre 2022, segnando rispettivamente un -6% e -6,9%, a 20,1 miliardi di dollari. Le attese per l’intero anno sono negative per questo tipo di intrattenimento: nel dettaglio, si prevede un -2,3% per l’intero 2022, ma il 2023 dovrebbe vedere un ritorno alla crescita. Entro il 2026 invece, le attese sul mercato sono per un CAGR del 5,6%, fino ad arrivare a 117 miliardi di dollari entro il 2026. In generale, le stime sul comparto del gaming sono positive nel medio periodo. Le previsioni di PwC mostrano come il mercato potrebbe passare da un valore di 2.340 miliardi di dollari nel 2021 a 2.930 miliardi nel 2026, con un tasso di crescita composto annuo del 4,6%. In futuro, il comparto potrebbe anche beneficiare delle opportunità create dalle nuove esperienze che si potranno fare nel metaverso.

In Borsa, le società del comparto non hanno brillato. Prendendo come riferimento Ubisoft, le quotazioni dall’inizio dell’anno hanno registrato un -37,43%. Dall’ultima trimestrale, pubblicata lo scorso 27 ottobre, emergono tuttavia dei segnali di positività: le prenotazioni nette sono state di 406,1 milioni di euro, il 3,6% in più su base annuale e oltre le previsioni Bloomberg di 280,5 milioni di euro. Oltre a questo, la società si attende che nell’intero 2023 fiscale riuscirà ad ottenere un profitto di 400 milioni di euro, sopra le previsioni di 369,1 milioni. Guardando ora al consensus (Bloomberg), al 2023 fiscale i ricavi sono attesi a 2,371 miliardi di euro, mentre per quanto riguarda il 2024 sono previsti 2,701 miliardi di euro.

Per quanto riguarda gli EPS rettificati, questi sono attesi a 1,88 euro nel 2023 e a 2,38 euro nel 2024 (fiscali). In tal senso, è interessante evidenziare come gli esperti si attendano un ritorno alla crescita oltre il 2022 fiscale per l’anno prossimo, nonostante il contesto sfidante dal punto di vista macroeconomico e geopolitico. Dei 27 analisti che seguono il titolo, 16 forniscono un giudizio buy, 9 hold e 2 sell. Il prezzo obiettivo a 12 mesi è a 47,36 euro, il 75,9% potenziale in più rispetto alle quotazioni attuali. Guardando al lungo periodo, è ragionevole credere che i videogiochi continueranno a ricoprire un ruolo ampio nel tempo libero di numerose persone. 

 

Azioni AMD: ecco il quadro tecnico del titolo

Le azioni AMD sono inserite all’interno di una tendenza ribassista dall’inizio del 2022. A settembre, la struttura grafica è peggiorata ulteriormente dopo la rottura del supporto di area 70 dollari, ereditato dai minimi del 29 luglio 2020. Al momento, i venditori avrebbero la possibilità di raggiungere la zona di concentrazione di domanda a 50 dollari, da dove potrebbe iniziare un rimbalzo più strutturato e con primo obiettivo identificabile sulla soglia psicologica dei 60 dollari. In generale, la tendenza rimarrà in favore dei venditori fino a che gli acquirenti non riusciranno a riportarsi oltre la zona compresa tra gli 80 e i 110 dollari. Se ciò dovesse accadere infatti, verrebbe interrotta la serie di massimi decrescenti in atto da inizio anno.

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *