Stellantis: tris nell'elettrico, ecco le ultime novità - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Stellantis: tris nell’elettrico, ecco le ultime novità

Una Fiat Topolino color celeste, la nuova vettura compatta della casa produttrice italiana

Stellantis riceve buone notizie dal Canada. Il governo del paese nordamericano, insieme alla regione dell’Ontario, erogherà fino a 15 miliardi di dollari canadesi sotto forma di sovvenzioni per un impianto di batterie per veicoli elettrici di Stellantis e LG Energy Solution. Saranno “progetti irripetibili che ancoreranno il settore della produzione automobilistica in Canada e manterranno posti di lavoro”, ha espresso il governo in una nota.

Stellantis e LG Energy avevano interrotto il progetto nel mese di maggio proprio per la questione dei sussidi. In sostanza, le due società chiedevano alle autorità canadesi di fare come gli Stati Uniti con l’Inflation Reduction Act. La risposta è arrivata a distanza di qualche mese e punta a rafforzare un settore che impiega 500 mila lavoratori e contribuisce al PIL canadese con 16 miliardi di dollari all’anno.

 

Stellantis: accordo con NioCorp sulle terre rare

Stellantis cambia marcia sulle auto elettriche anche grazie all’accordo siglato con NioCorp per l’acquisto di terre rare, materie prime importanti per la produzione delle batterie. Nel comunicato congiunto delle due società si legge che l’obiettivo è quello di “sostenere l’impegno di Stellantis a realizzare catene di fornitura resilienti e a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2038“. Il contratto è per 10 anni e riguarda quantità specifiche di ossido di neodimio-praseodimio, ossido di disprosio e ossido di terbio che NioCorp produrrà attraverso il Progetto Elk Creek Critical Minerals nel Nebraska sudorientale. Tutto ciò sarà subordinato all’ottenimento di un adeguato finanziamento del progetto.

“Stellantis intende guidare il settore impegnandosi ad azzerare le proprie emissioni di carbonio entro il 2038, un obiettivo che richiede innovazione e una completa ridefinizione delle strategie di approvvigionamento”, ha dichiarato Maxime Picat, chief purchasing e supply chain officer di Stellantis. “Lavorando con partner come NioCorp, stiamo compiendo passi importanti per decarbonizzare la mobilità e garantire forniture strategiche delle materie prime necessarie per il successo dei programmi di elettrificazione globale dell’azienda, evidenziati nel piano strategico “Dare Forward 2030” ha aggiunto il manager.

 

Arrivano 600 e Topolino…

Le novità per il colosso italo-francese non finiscono qui. Stellantis e Fiat hanno annunciato l’arrivo di due nuovi modelli di auto che scaldano il cuore dei nostalgici degli anni ’60. Si tratta della Fiat 600 e della Topolino, vetture di  che mirano a conquistare il mercato. Rispetto alla 500, la Topolino sarà più piccola, mentre l a600 sarà la “sorella maggiore”.

La Topolino è una city-car totalmente elettrica, con una dimensione di 2,53 metri, il che darà grandi vantaggi di parcheggio. La sua autonomia è di 75 km con una velocità massima di 45 km/h. Il prezzo di listino è di 9.890 euro. Quanto alla Fiat 600, le dimensioni saranno di 4,17 metri di lunghezza con 5 porte. Sono previste due versioni, la Prima e la (600e)RED, il cui arrivo è previsto dalla fine del terzo trimestre 2023, ma che sono già ordinabili. La Prima costerà 40.950 euro, mentre la variante 600e avrà un prezzo fino 35.950 euro.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *