Wall Street: per Citigroup le azioni hanno appena iniziato a scontare una recessione - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Wall Street: per Citigroup le azioni hanno appena iniziato a scontare una recessione

Wall Street: per Citigroup le azioni hanno appena iniziato a scontare una recessione

Il mese di ottobre è iniziato a spron battuto per le azioni americane a Wall Street. L’indice S&P 500 ha guadagnato il 5,65% in due sedute, riscattando parzialmente un mese di settembre molto negativo in cui ha fatto registrare un passivo di oltre il 9%. Non c’è un vero e proprio driver che ha caratterizzato questa ondata di positività. Più probabilmente hanno inciso tutta una serie di piccoli fattori che insieme hanno dato tregua ai mercati. Il ritiro del piano di tagli fiscali della Gran Bretagna, in particolare riguardo la parte dell’aliquota massima del 45%, ha trasmesso maggiore fiducia agli investitori.

Inoltre, il fatto che la Banca centrale australiana abbia attuato un aumento dei tassi inferiore rispetto alle attese, unito all’intervento sul mercato delle obbligazioni effettuato la settimana scorsa dalla Bank of England, potrebbe essere interpretato come una presa di coscienza delle Banche centrali sulla presenza di un rischio reale di profonda recessione il che potrebbe spingerle a non forzare troppo la mano. Infine vi è anche da rilevare il rallentamento del dollaro USA nei confronti delle principali valute, con la sterlina che ieri è balzata fino a quasi 1,15 dollari mentre solo dieci giorni fa era piombata al minimo storico di 1,0350. Tutti questi aspetti hanno dato agli investitori l’occasione per prendere profitto dalle loro posizioni ribassiste dopo un periodo di grandi vendite a Wall Street e ad altri di entrare a mercato approfittando di prezzi più bassi rispetto a qualche tempo fa. Questo non significa che un nuovo rally rialzista sia in atto.

 

Wall Street: per Citigroup il rally ribassista è appena iniziato

Gli operatori di Wall Street non credono che il rimbalzo delle azioni statunitensi sarà duraturo. Secondo gli strateghi quantitativi di Citigroup, la Borsa di New York ha appena iniziato a scontare una recessione. Di conseguenza le azioni potrebbero riprendere il cammino al ribasso. “Gli investitori azionari stanno prestando maggiore attenzione all’aumento del rischio di credito”, hanno scritto. La situazione potrebbe peggiorare con la stagione degli utili, con i risultati delle società che sarebbero condizionati dall’andamento dei tassi d’interesse e da quanto accade nel mercato del credito, hanno riferito. La banca d’affari americana raccomanda quindi di rimanere sulla difensiva nel breve termine e di favorire titoli di alta qualità, con basso rischio e grande capitalizzazione.

Le opinioni degli strateghi di Citigroup ricalcano quelle di altri grandi istituti di credito a stelle e strisce, come Goldman Sachs e Bank of America, secondo cui l’S&P 500 ancora non avrebbe raggiunto il fondo, poiché la Federal Reserve metterà sotto pressione utili e valutazioni azionarie con la sua politica monetaria estremamente aggressiva. È importante notare come il principale benchmark statunitense si sia ritirato fino al 25% dal suo massimo storico di gennaio 2022, ma la discesa è stata pari a meno della metà del crollo del 56% dal picco al minimo durante la crisi finanziaria globale.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *