World Economic Forum: 5 temi che occupano la scena a Davos - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

World Economic Forum: 5 temi che occupano la scena a Davos

World Economic Forum: 5 temi che occuperanno la scena a Davos

Ogni anno in Svizzera, nella città di Davos, si tiene il World Economic Forum, un incontro tra esponenti di primo piano della politica e dell’economia internazionale con intellettuali e giornalisti selezionati. Durante il meeting si discute di vari temi che il mondo intero si trova ad affrontare sotto diversi aspetti che non riguardano solo l’economia, la finanza e la politica, ma anche la salute e l’ambiente. Solitamente l’appuntamento annuale è a gennaio, ma quest’anno l’evento si celebra dal 22 al 26 maggio. E gli argomenti per discutere non mancano davvero con tutto quello che è successo in questi ultimi tempi. Vediamo quindi quali sono i temi principali su cui si sta dibattendo e si continuerà a dibattere in questi giorni.

 

Guerra Russia-Ucraina

Il tema clou non potrebbe che essere la guerra Russia-Ucraina, con diversi funzionari del Governo di Kiev che sono presenti alle riunioni. Le argomentazioni diventeranno incandescenti non solo per il riflesso che avranno a livello geopolitico, ma anche per quel che riguarda le aziende che devono tenere un modello di comportamento in rapporto alle sanzioni inflitte a Mosca dall’Occidente e a quelle che arriveranno con i prossimi pacchetti.

 

Crisi alimentare

Questo è un altro tema scottante al World Economic Forum, che ogni giorno di più riveste carattere di urgenza. I Paesi a più basso reddito hanno patito oltremisura l’avvento della pandemia, che ha avuto riflessi non soltanto a livello sanitario. Il conflitto nell’Est Europa ora sta esacerbando la crisi alimentare, attraverso l’aumento dei prezzi delle materie prime e i limiti di fornitura. Tutto ciò prepara il terreno per possibili carestie e disordini sociali.

 

Green energy

Ormai gli incontri di élite tra i personaggi più illustri del mondo politico ed economico non possono prescindere dall’affrontare il grande tema del cambiamento climatico e delle modalità per farvi fronte. Oggi purtroppo si è creata una situazione dove bisogna conciliare le esigenze di effettuare una svolta energetica in senso sostenibile con quella di soddisfare il fabbisogno delle popolazioni. Dalle discussioni potranno emergere soluzioni o proposte per cercare di superare l’impasse.

 

Regolamentazione crittografica

Le risorse crittografiche non possono più essere trascurate per l’importanza che hanno acquisito nella vita economica e sociale di ogni giorno. Questo vuol dire che se ne parlerà molto e sempre, soprattutto in materia di riforma normativa. Il G7 chiede una regolamentazione coerente e completa che risolva definitivamente ampie sacche di inefficienza e insicurezza. Questo si incastra anche con il discorso legato alla transizione energetica, perché il mining di alcune criptovalute stride con i piani sulla sostenibilità ambientale.

 

Frammentazione geopolitica ed economica

La questione è stata toccata in particolare da Christalina Georgieva, capo del Fondo Monetario Internazionale. L’economista bulgara ha messo in luce come la frammentazione economica e politica possa determinare un modo più povero e pericoloso. Secondo le sue previsioni, la sola frammentazione tecnologica avrebbe effetti devastanti a livello mondiale, con costi globali enormi e una perdita fino al 5% del PIL in molti Paesi. Per questo occorre trovare una soluzione rapida attraverso la cooperazione di tutti per sfruttare il grande vantaggio della globalizzazione.

 

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *