Zew, crollo storico: mai così in picchiata dal 1991

Sprofonda a -49,5: per lo Zew è record negativo dal 2011 nonché il calo più consistente da quando esiste il sondaggio. Euro Dollaro ai minimi del mese: 1,1019

 

Kaput. L’indice Zew cola letteralmente a picco. Nessuna sostanziale sorpresa, e infatti gli analisti avevano stimato -26,4 punti. Ma il crollo misura quasi il doppio di quanto previsto: -49,5 a marzo 2020, 58,2 punti in meno rispetto al dato di febbraio che misurava +8,7. Si tratta del livello più basso mai raggiunto da dicembre 2011 da parte dell’indice che determina il sentiment degli investitori istituzionali tedeschi. Quello dello Zew di marzo, indicatore chiave per le condizioni commerciali e ottenuto da un’indagine condotta presso circa 350 investitori istituzionali e analisti tedeschi, è anche il calo più consistente da quando è stato avviato il sondaggio, era sempre il mese di dicembre, ma del 1991.


Grafico Zew tedesco marzo by TradingEconomics

 

Valori mai così negativi dalla crisi del 2008

Le preoccupazioni del coronavirus scuotono i mercati globali e l’Europa, Germania compresa. Il Pil tedesco è in contrazione nella prima metà dell’anno e le aspettative per il 2020, nel loro insieme, indicano un calo della crescita dell’economia reale di circa un punto percentuale, proprio a causa della pandemia di Covid-19. Anche la valutazione della situazione economica in Germania è peggiorata significativamente, scendendo di 27,4 punti a quota -43,1. Una tale combinazione di valori così negativi, per gli indicatori sia del sentimento economico sia della valutazione della situazione attuale, è stata osservata solo durante la crisi finanziaria nell’autunno del 2008.


Grafico Euro Dollaro m15 by TradingView

 

Reazione del mercato

Alla pubblicazione del dato dello Zew non si sono registrati movimenti anomali nell’andamento dell’Euro, già in calo nei confronti del Dollaro a partire da questa notte, durante le contrattazioni delle borse asiatiche: dalle 3 del mattino a mezzogiorno la moneta unica ha perso l’1,4% nell’ambito del recupero del Dollaro sostenuto anche dai tassi d’interesse dei Treasury Usa e dal QE annunciato dalla Fed. L’1,1019 di oggi è il minimo del mese di marzo.