Azioni Enel: nuovi rialzi in vista con vendita asset in India? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Enel: nuovi rialzi in vista con vendita asset in India?

La centrale geotermica di Larderello nelle colline del centro Italia. Spiccano le due ciminiere svasate che emettono un pennacchio di fumo bianco

A Piazza Affari l’ultima seduta della settimana è all’insegna del rialzo per le azioni Enel, con le quotazioni che si sono spinte oltre i massimi annuali. A dare forza al trend rialzista presente sull’azione sono anche le ultime news riguardanti la società, che sarebbe vicina alla cessione di ulteriori asset no core. Nello specifico sembrerebbe che il gruppo guidato da Flavio Cattaneo sia vicino a cedere Enel Green Power India, rappresenta la sua divisione di energia rinnovabile in India.

Nello specifico l’operazione, che dovrebbe portare nelle casse della società quasi 300 milioni di dollari, prevede la vendita di un portafoglio che comprende 760 megawatt di progetti operativi di energia eolica e solare, di cui 420 MW di energia solare e 340 MW di energia eolica. La transazione comprende anche una consistente pipeline di sviluppo di 2 gigawatt e contratti di acquisto di energia elettrica esistenti per un totale di 190 MW.

Ricordiamo che nel 2020, Enel Green Power India ha avviato una collaborazione con Norfund, un’entità di investimento norvegese focalizzata sui Paesi in via di sviluppo, per promuovere nuovi progetti rinnovabili presenti in India. Intanto, in occasione del Capital Market Day in programma il prossimo 22 novembre, Morgan Stanley ha promosso il titolo con un potenziale upside fino al 27%.

 

Azioni Enel: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come stanno rispondendo le azioni Enel dopo queste notizie. Con volumi già pari alla media giornaliera mensile questa odierna è una seduta all’insegna degli acquisti per il titolo Enel, con i prezzi che si portano oltre i massimi annuali situati nei pressi dei 6,37 euro. Nel breve termine una conferma dei corsi sopra tali resistenze dovrebbe andare a rafforzare il trend primario ascendente in direzione dei 6,60 euro e successivamente verso la soglia dei 7 euro. Dal punto di vista operativo l’eventuale superamento di questi ultimi livelli aumenterebbe le possibilità per andare a mettere sotto pressione i top del 2022 situati sui 7,25 euro. In questo contesto rialzista eventuali prese di beneficio verso i 6,20 euro potrebbero rappresentare delle occasioni di acquisto.

Al contrario la perdita dei 6,10 euro, dove transita sia l’indicatore daily del Supertrend che la trendline ascendente che parte dai minimi dello scorso mese di settembre in area 5,5 euro, potrebbe far proseguire la fase correttiva in direzione dei forti supporti situati in area 5,90-5,85 euro. Fondamentale sarà la tenuta di questi livelli, nei cui pressi troviamo la media mobile di lungo periodo, per evitare una continuazione delle vendite prima verso i 5,75 euro ed in seguito in direzione dei 5,62-5,60 euro. Nel caso in cui tali sostegni dovessero essere violati al ribasso, aumenterebbero per il titolo le possibilità di andare a rivedere  i minimi di ottobre posizionati in area 5,5 euro.

 

DISCLAIMER

Le analisi in oggetto non sono state sponsorizzate dall’emittente o dall’intermediario menzionato. Le informazioni contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. BORSAEFINANZA SRL non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subite a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti nelle analisi di borsaefinanza.it. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sui siti degli emittenti ed ottenere una consulenza professionale. Qui è possibile trovare le informazioni sul produttore dell’analisi.

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *