BlackRock investe a valle della transizione energetica - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

BlackRock investe a valle della transizione energetica

L'esterno di una sede di BlackRock

Quando si parla di investimenti in transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio si pensa immediatamente all’utilizzo di energie rinnovabili e di veicoli elettrici. Facendo così, secondo il team Thematics and Sectors di BlackRock, ci si dimentica di quei fattori che producono i materiali necessari a questa transizione.

“I mercati potrebbero aver trascurato alcuni ingredienti essenziali per questa infrastruttura – spiegano da BlackRock -. Investire in società carbon intensive, che abbiano piani di transizione credibili e/o che forniscano i materiali necessari per tale transizione, possa offrire alcune delle maggiori opportunità di investimento”. Per questo motivo l’asset manager ha lanciato il nuovo fondo Brown to Green Materials.

 

La decarbonizzazione delle società carbon intensive

L’industria dei materiali comprende le società che operano nei settori dei metalli e dell’estrazione mineraria, dei prodotti chimici, dell’acciaio e dei materiali da costruzione. Il fondo Brown to Green Materials lanciato da BlackRock comprende anche la supply chain dei materiali e i produttori di dispositivi elettrici, che consentono alle aziende produttrici di materiali di ridurre le emissioni di carbonio.

Si prevede che le società che si stanno decarbonizzando – in settori come quello metallurgico ed estrattivo, del cemento e dell’edilizia – beneficeranno di un re-rating, in quanto i loro fattori di rischio di sostenibilità si ridurranno e, a loro volta, avranno multipli più elevati. Nel frattempo, il team ritiene che le società che producono metalli di transizione siano pronte a beneficiare di una crescita degli utili superiore al previsto, se l’adozione di tecnologie a basse emissioni di carbonio supererà le aspettative.

Numerosi gli esempi di tecnologie disruptive che hanno superato ampiamente le aspettative di consenso grazie alla natura a “S” delle loro curve di adozione. Secondo le attese prevalenti, la domanda di rame per i veicoli elettrici e le energie rinnovabili, ad esempio, dovrebbe essere circa 4,8 volte superiore nel 2030 rispetto al 2022. Le aziende produttrici di materiali leader nella riduzione dell’intensità delle emissioni nei rispettivi settori industriali vedranno probabilmente dei vantaggi persistenti con lo sviluppo del mercato dei materiali a basse emissioni di carbonio. Prevediamo che queste aziende beneficeranno di costi operativi più bassi e di minori requisiti di capitale per la decarbonizzazione rispetto ai concorrenti a più alte emissioni di carbonio.

 

Le caratteristiche del nuovo fondo di BlackRock

Il nuovo fondo sarà classificato come Articolo 8, ai sensi del Regolamento europeo sulla divulgazione finanziaria sostenibile (SFDR), e sarà un portafoglio concentrato di 30-60 società globali, che copriranno l’intero spettro delle capitalizzazioni di mercato. Investirà in società appartenenti alle tre seguenti categorie:

 

  • Reducer: aziende produttrici di materiali che hanno in programma di ridurre l’intensità delle emissioni nell’ambito di un periodo definito;
  • Enabler: aziende produttrici di materiali che forniscono i materiali necessari per tecnologie ad emissioni di carbonio ridotte e società che consentono alle aziende produttrici di materiali di ridurre le proprie emissioni;
  • Green leader: aziende produttrici di materiali leader nel loro settore in termini di intensità di emissioni.

 

Il fondo investirà almeno l’80% dei suoi asset in titoli azionari di società globali che producono materiali necessari per la realizzazione di tecnologie a basse emissioni di carbonio e/o di aziende di materiali che stanno riducendo la propria intensità di emissioni. Il fondo sarà gestito da Evy Hambro, Olivia Markham e Hannah Johnson del team Thematics and Sectors di BlackRock, che gestiscono portafogli di risorse naturali fin dalla loro costituzione nel 1991 e portafogli tematici dal 2001. Il BGF Brown to Green Materials Fund ha una commissione di gestione corrente (OCF) dell’1% per la sua classe D.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *