Bonus Internet e PC: cosa sono e come funzionano - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Bonus Internet e PC: cosa sono e come funzionano

Bonus Internet e PC: cosa sono e come funzionano

Lo Stato italiano sta cercando di non lasciare indietro nessuno nell’evoluzione tecnologica, elargendo tra una serie di agevolazioni anche i bonus Internet e PC per quest’anno. In verità, il bonus Internet può essere ottenuto senza dover dimostrare di avere un basso reddito, mentre per quel che riguarda la parte relativa al PC è necessario disporre di un ISEE basso. Vediamo quindi nei dettagli come funziona tutto il meccanismo e chi sono gli aventi diritto a tali indennità.

 

Bonus Internet: cos’è e a chi spetta

Il bonus Internet consiste in un sussidio di 300 per l’acquisto di una connessione veloce. Vi possono accedere tutti i cittadini senza l’obbligo di presentare l’ISEE. Il requisito fondamentale è quello di sostituire la connessione Web che si utilizza, di velocità inferiore a 30 Mbps, con una più veloce, oppure di installare una nuova connessione a banda ultra larga se non se ne dispone di alcuna. Il contratto di fornitura dei servizi non deve essere inferiore a 24 mesi e potrà essere fatto con qualsiasi gestore. Inoltre, chi usufruisce del bonus potrà benissimo cambiare gestore, spostandosi con un altro più conveniente e continuando a godere dell’agevolazione. 

Le risorse messe a disposizione per il bonus sono di 407,5 milioni di euro, sebbene si stimi che le famiglie raggiunte che hanno una connessione inferiore alla soglia limite siano circa 4 milioni. Quindi il bonus verrà erogato fino all’esaurimento delle risorse stanziate. Secondo Infratel, il voucher da 300 euro permetterà di coprire in media fino al 50% dei costi di un contratto che garantisce un servizio di connettività NGA (Next generation access), ovvero la nuova generazione di accessi distribuiti su una rete in fibra ottica in grado di alzare la velocità di trasmissione. Le modalità di presentazione della domanda per richiedere il beneficio saranno chiarite da un provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico.

 

 

Bonus PC: cos’è e a chi spetta

Il bonus PC è un sussidio di 500 euro che spetta a coloro che hanno un reddito inferiore a 9.000 euro (nel 2020 veniva richiesto un ISEE sotto i 20.000 euro) e che sono residenti nella Regione Puglia. Gli altri requisiti per ottenere lo sconto riguardano l’impegno almeno per un membro della famiglia a ottenere nuove competenze digitali entro un anno dall’acquisto del dispositivo. Alternativamente è possibile utilizzare tale sostegno per acquistare un abbonamento a Internet, servendo sempre lo stesso scopo. 

La Regione Puglia ha stanziato 1,6 milioni di euro nell’arco di 3 anni, con le richieste e le erogazioni che saranno gestite dai Comuni in cui risiedono gli aventi diritto. Le Amministrazioni comunali pubblicheranno il bando di accesso, raccogliendo le domande e formulando la graduatoria dei vincitori entro i termini prestabiliti. A differenza del bonus Internet, già vi è la possibilità di fare richiesta del bonus PC. Al momento, altre Regioni stanno discutendo se seguire l’iniziativa della Puglia e consentire l’accesso del sussidio ai propri cittadini e in quale misura.

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *