Brasile: tutte le ragioni per investire secondo Amundi - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Brasile: tutte le ragioni per investire secondo Amundi

Brasile: tutte le ragioni per investire secondo Amundi

Le elezioni presidenziali che si sono tenute domenica 2 ottobre in Brasile hanno dato un esito sorprendente, con il premier uscente Jair Bolsonaro che ha ottenuto il 43,2% dei voti. Nessuno probabilmente si aspettava una cifra così alta, stando a quanto avevano indicato i sondaggi (36% dei consensi) e ora la sfida con il leader del Partito dei lavoratori Luiz Inácio Lula da Silva si risolverà al ballottaggio del 30 ottobre. Lula, avendo preso il 48,4% dei voti, ha ancora un margine di vantaggio ma nulla si può dire che sia scontato. Tutto questo avrà comunque delle implicazioni a livello politico, in quanto con molta probabilità il nuovo presidente dovrà convergere verso l’area centrista e smorzare alcune delle politiche più estreme. Di conseguenza, gli effetti sui mercati finanziari saranno diversi rispetto a una situazione di consenso più marcata.

 

Brasile: ecco perché puntare sui suoi asset

Il Brasile è uno dei mercati emergenti più promettenti e questa nuova situazione politica è vista in maniera positiva da parte dell’asset manager francese Amundi. La società con sede a Parigi propone un’analisi delle obbligazioni, della valuta e delle azioni brasiliane, in vista del dopo elezioni. Per quel che attiene al reddito fisso, secondo Amundi, le performance potrebbero essere buone grazie a sei fattori: in primis la differenza elevata di rendimento tra il real brasiliano e i tassi sul mercato; in secondo luogo i tassi reali positivi, che non sono molto frequenti soprattutto nei mercati emergenti contrassegnati da inflazione alle stelle; in terzo luogo il fatto che il Brasile sia l’unico Paese emergente ad aver raggiunto il picco di tassi e inflazione; in quarto luogo l’inflazione che dovrebbe fermarsi a una cifra nel 2022 e abbassarsi nei prossimi due anni verso gli obiettivi delineati dalla Banca centrale; in quinto luogo l’istituto centrale che ha terminato l’aumento del costo del denaro; infine il PIL che si è mostrato più forte rispetto alle attese nel 2022.

Per quanto riguarda la valuta brasiliana, il real, quest’anno è stata una delle più redditizie tra quelle dei Paesi emergenti grazie a un carry molto elevato. Rispetto al dollaro USA potrebbe apprezzarsi fino a scendere sotto 5, a giudizio degli esperti di Amundi. Questo nonostante gli operatori di mercato si aspettino un taglio dei tassi da parte delle autorità monetaria fino al 3% entro la fine del 2023.

Riguardo le azioni, Amundi si aspetta una crescita, qualunque sia l’esito del ballottaggio di fine mese. Anche in questo caso concorrono vari fattori. Il primo è che il vincitore delle elezioni non avrebbe una maggioranza tale al Congresso da fare approvare tutte le proposte più estreme del proprio programma. Il secondo riguarda il fatto che la Banca centrale brasiliana ha iniziato a inasprire la sua politica monetaria prima della Federal Reserve e sarà una delle prime istituzioni centrali ad allentarla, favorendo in questo modo la crescita. Il terzo aspetto concerne le valutazioni delle azioni che in questo momento risultano essere molto convenienti. Infine, il Brasile ha una certa autonomia dal punto di vista energetico ed è una potenza agroalimentare, il che lo mette al riparo dalle turbolenze geopolitiche.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *