Criptovalute in forte rialzo: approvazione ETF spot Ethereum più vicina - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Criptovalute in forte rialzo: approvazione ETF spot Ethereum più vicina

Criptovalute: quotazioni alle stelle, approvazione ETF spot Ethereum più vicina

Le criptovalute si sono accese nelle ultime 24 ore. In particolare si è messa in mostra Ethereum cresciuta del 18% a 3.660 dollari, mentre il Bitcoin è salito di oltre 6 punti percentuali a 71.000 dollari. Gli acquisti sono scattati quando hanno iniziato a circolare voci circa una possibile approvazione da parte della Securities and Exchange Commission dei primi ETF spot su Ethereum questa settimana. L’autorità di regolamentazione finanziaria degli Stati Uniti avrebbe richiesto aggiornamenti in merito alla documentazione dei potenziali emittenti di ETF, un segnale che la SEC sarebbe più incline a dare il via libera a fronte di aspettative per una bocciatura.

Giovedì si conoscerà il verdetto per la richiesta presentate da VanEck, mentre venerdì sarà il turno della domanda di Ark Invest. Riguardo invece le proposte per gli ETF spot Ethereum di BlackRock, Fidelity, Invesco, Grayscale e Bitwise Asset Management, la SEC si pronuncerà più avanti. “Immagino un rally fino a giovedì”, ha dichiarato Bartosz Lipiński, amministratore delegato di Cube Exchange. “Poi almeno una breve vendita, indipendentemente dal fatto che i fondi siano approvati o meno” sulla base del più classico “compra le voci e vendi le notizie”. Un semaforo verde dall’authority USA attirerebbe molti fondi verso la criptovaluta attraverso gli ETF, esattamente come è successo con Bitcoin a seguito dell’approvazione degli ETF spot avvenuta l’11 gennaio 2024 dopo oltre 10 anni di tentativi.

 

Criptovalute: il CME potrebbe introdurre il trading diretto su Bitcoin

Un’altra notizia che ha avuto un ruolo nel movimento al rialzo delle criptovalute in questi giorni è stata riportata dal Financial Times la scorsa settimana: il Chicago Mercantile Exchange Group (CME) intende introdurre il trading di Bitcoin per diversificare la sua offerta di prodotti. Attualmente la Borsa specializzata nelle materie prime e nei derivati starebbe discutendo con gli operatori di mercato se sia o meno il caso di rendere contrattabile la principale criptovaluta in un contesto regolamentato.

Il CME ha già lanciato i contratti futures su Bitcoin che hanno raggiunto un volume di 137.600 unità per un valore di 9,1 miliardi di dollari, secondo i dati riportati dagli analisti di Bitget Research. Questi numeri fanno della Borsa con sede a Chicago l’exchange con le maggiori disponibilità per questi contratti, superando anche Binance, hanno osservato gli analisti. Ciò significa che l’interesse del mercato per il Bitcoin è molto alto, il che creerebbe le condizioni per un trading diretto. “Considerando l’entità di questo volume di scambi, ha senso che CME cerchi di ampliare la sua gamma di prodotti e la sua clientela” hanno commentato gli analisti di Bitget Research.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *