EFPA Italia meeting, Deroma: i nuovi trend della consulenza - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

EFPA Italia meeting, Deroma: i nuovi trend della consulenza

EFPA Italia meeting, il presidente Marco Deroma sul palco

Il 6 e 7 ottobre 2022 ritorna, dopo due anni di sospensione a causa del Covid, EFPA Italia Meeting. La manifestazione, organizzata dalla fondazione leader nella certificazione delle conoscenze dei consulenti finanziari, arriva alla tredicesima edizione con il titolo “Meta-verso il nuovo rinascimento: l’evoluzione della consulenza finanziaria”.
“Abbiamo voluto giocare con la scomposizione della parola metaverso per indicare che il mondo dei consulenti finanziari si muove verso una nuova meta ma anche per includere questo nuovo mondo virtuale che alcuni vedono molto vicino” ha commentato il presidente di EFPA Italia, Marco Deroma, in un’intervista rilasciata a Borsa&Finanza. Deroma, tuttavia, non pensa al metaverso come a una rivoluzione imminente per i consulenti “in quanto il nostro mondo ha bisogno di fisicità. Faccio fatica a pensare che i clienti si possano trovare bene a discutere di investimenti con un avatar. Soprattutto nei momenti di incertezza sui mercati, di difficoltà nella scelta degli investimenti come quello che stiamo vivendo da qualche mese”.

Ecco perché, nonostante il titolo, l’evento che si terrà al Palazzo dei Congressi di Firenze metterà al centro dell’attenzione il consulente finanziario in carne e ossa, l’uomo. “Come nel Rinascimento – riprende Deroma – ma senza dimenticare che quelle abitudini digitali che il consulente ha dovuto imparare durante la pandemia non verranno messe da parte. Se non altro perché permettono di rendere più efficiente e sostenibile il lavoro quotidiano del professionista”.

 

Professionisti e responsabili delle necessità dei clienti

Accanto al trend digitale, che però non soppianterà il consulente in carne e ossa ma gli renderà la vita più semplice, ha accelerato in questi ultimi anni quello della sostenibilità. EFPA Italia lo ha individuato per prima e per prima si è mossa attivando una certificazione specifica, la ESG Advisor, in collaborazione con Anasf ed SDA Bocconi School of management. “Abbiamo preceduto le altre fondazioni che fanno parte di EFPA Europe e per qualche tempo abbiamo goduto di questa importante leadership” ha spiegato Deroma che ha poi proseguito sottolineando come sia importante continuare a seguire le evoluzioni della società e individuarne i trend in via di sviluppo. Vale per EFPA Italia ma vale anche per il singolo consulente che “deve saper intercettare i megatrend che caratterizzano l’evoluzione della società moderna e deve saper guidare al meglio il cliente verso un modo di investire il denaro rispetto al passato”.

E per farlo la formazione e la certificazione delle conoscenze sono due pilastri fondamentali. “Ancora di più oggi – riprende Deroma – in uno scenario difficile caratterizzato da mercati instabili, crescita dei prezzi delle materie prime, inflazione in corsa a cui non eravamo più abituati. EFPA presta molta attenzione alla cultura e alla conoscenza, elementi fondamentali per fissare la professionalità del consulente finanziario. Noi vogliamo non solo che il professionista del risparmio sia preparato ma anche che si senta responsabile del bisogno del cliente di essere guidato nel modo più opportuno, per evitargli di cadere negli errori che la finanza comportamentale ha evidenziato come causa di performance negative negli investimenti”.

 

I numeri di EFPA Italia

Al meeting di Firenze EFPA Italia si presenta forte del successo delle sue certificazioni. Negli ultimi quattro anni di mandato presidenziale di Marco Deroma (a luglio è stato riconfermato per un nuovo quadriennio ndr), sono saliti da 5.700 a 9.467 i consulenti che possiedono almeno una certificazione. Un ottimo risultato ottenuto in un momento travagliato a cavallo della pandemia di Covid. “Durante questo periodo – ha raccontato Deroma – EFPA Italia ha dovuto adeguarsi a una nuova modalità di lavoro digitale. Con molti partner, soprattutto con le case di investimento, abbiamo potuto lavorare per offrire i nostri certificati attraverso l’utilizzo del digitale e devo dire che i riscontri di partecipazione ai nostri incontri online sono sempre stati molto elevati”.

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *