Energie rinnovabili sotto la lente dei fondi di private equity - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Energie rinnovabili sotto la lente dei fondi di private equity

L'immagina mostra una sfera trasparente dentro la quale si riflette il paesaggio naturale, fatto di piante, alberi e terra, che vi sta intorno

Nell´ultimo decennio, grazie al mutamento del mercato dei fondi comuni azionari, si è verificato un radicale cambiamento nel panorama e nell’approccio di investimento anche da parte dei fondi di private equity, con un’attenzione maggiore verso operazioni finanziarie nel settore delle energie rinnovabili come l’eolico, il solare e il più classico idroelettrico. Tale tendenza è stata guidata da una serie di fattori, tra i quali:

 

  1. le crescenti preoccupazioni sul cambiamento climatico;
  2. i progressi nella tecnologia delle energie rinnovabili;
  3. una crescente consapevolezza dei vantaggi finanziari derivanti dall’investimento in imprese sostenibili e rispettose dell’ambiente;
  4. il sostegno dei governi allo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili.

 

In particolare, i governi di tutto il mondo stanno implementando politiche per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. In molti Paesi vengono attivati sussidi, incentivi fiscali e vengono posti obiettivi di produzione di energia rinnovabile per incoraggiare gli investimenti in progetti di energia pulita. Questo supporto sta creando un ambiente favorevole agli investimenti privati in progetti di energia rinnovabile, rendendoli più attraenti agli interlocutori alla ricerca di rendimenti stabili a lungo termine. Allineando i propri investimenti alle politiche governative che promuovono le energie rinnovabili, i fondi possono sfruttare le opportunità create dalla transizione verso fonti energetiche più pulite e sostenibili.

 

Gli sviluppi positivi del settore delle energie rinnovabili

Oggi, oltre ai vantaggi ambientali e normativi, a spingere gli investimenti nel settore delle energie rinnovabili ci sono anche significativi vantaggi economici. Infatti, le fonti energetiche rinnovabili sono diventate più convenienti e affidabili nel lungo termine, non sono soggette alla volatilità dei prezzi e ai vincoli di approvvigionamento associati ai combustibili fossili. Attraverso gli investimenti in pipeline di progetti di energia rinnovabile, i fondi di private equity contribuiscono indirettamente alla riduzione delle emissioni di carbonio e a sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni. Allo stesso tempo sono in grado di garantire ritorni sugli investimenti (in termini di IRR) di almeno il 6-7% sul medio lungo periodo. La logica di fondo per un fondo di private equity è di sviluppare pipeline in progetti rinnovabili, portarli a una fase “operational”, generare delle rendite e dopo un periodo di solito pari a 5-7 anni procedere a un disinvestimento del portafoglio.

Un altro fattore chiave che guida gli investimenti privati nelle energie rinnovabili sono i rapidi progressi nella tecnologia. Negli ultimi anni ci sono stati miglioramenti significativi nell’efficienza e nel rapporto costo-efficacia delle fonti rinnovabili come l’energia solare ed eolica. Ciò ha reso i progetti di energia rinnovabile sempre più competitivi rispetto alle tradizionali fonti di combustibili fossili, portando a un’impennata degli investimenti nel settore.

Come conseguenza i fondi di investimento di private equity guardano sempre più con attenzione agli investimenti nelle energie rinnovabili anche come un modo per diversificare i propri portafogli e generare rendimenti interessanti  e stabili sul medio e lungo periodo evitando o riducendo la volatilità. Negli ultimi 20 anni il mondo del private equity è stato caratterizzato da investimenti nel campo del digitale e della new economy.  Oggi questi mercati sono sempre di grande rilevanza, tuttavia l’accesso è diventato più difficile e la competizione è cresciuta.

 

 

AUTORE

Stefano Endrizzi

Stefano Endrizzi

Investment Banker, laureato in economia aziendale con specializzazione in finanza. Scrive articoli di business, economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *