Nexi: CVC Capital Partners valuta un'offerta per la società di pagamenti - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Nexi: CVC Capital Partners valuta un’offerta per la società di pagamenti

Nexi: CVC Capital Partners valuta un'offerta per la società di pagamenti

CVC Capital Partners sta per mettere le mani su Nexi. Secondo alcune indiscrezioni, il gruppo di private equity britannico starebbe valutando una potenziale offerta per la società di pagamenti italiana approfittando delle valutazioni più contenute rispetto a qualche tempo fa. Le azioni Nexi infatti quest’anno sono scese del 21,85% a un prezzo di 5,756 euro. Attualmente la società vale circa 7,55 miliardi di euro. Voci di corridoio parlano anche di altre compagnie di investimento interessate all’azienda italiana e alla fine non è escluso che si mettano insieme per fare un’offerta congiunta.

Al momento non è chiaro se la proprietà di Nexi sia interessata nel breve termine a una vendita delle quote. La valutazione depressa della società non gioca a favore della scelta di mettere sul mercato la propria partecipazione. Dopotutto Nexi è negli anni diventata una delle maggiori aziende nel settore dei pagamenti in Europa grazie a un processo di crescita costituito da una serie di acquisizioni.

Attualmente la società è di proprietà di una serie di private equity e compagnie di investimento come H&F Corporate Investors, Mercury, AB Europe e Eagle che insieme detengono oltre il 40% del capitale. Poi vi è Cassa Depositi e Prestiti con una quota del 13,5%. Non bisogna dimenticare anche che Nexi è considerata un asset strategico e quindi assoggettata a golden power. Tuttavia, CVC ha completato negli scorsi mesi un’operazione nel settore tech insieme a CDP e questo potrebbe facilitare un’eventuale operazione su Nexi.

 

Nexi a Piazza Affari

Le azioni Nexi non hanno aperto con l’inizio delle contrattazioni questa mattina alla Borsa milanese rimanendo sospese. Da quando sono stati “liberati” gli scambi di Nexi, il titolo segna un rialzo del 17,5% a 6,76 euro. Secondo gli analisti di Equita Sim “la notizia ha risvolti positivi per Nexi visto il gap valutativo tra i multipli correnti e quelli di M&A e considerando anche che i fondi di private equity entrati nell’azionariato di Nexi tramite il conferimento di Nets potrebbero richiedere un premio significativo per uscire visto che hanno un prezzo di ingresso elevato”.

La Sim milanese mantiene un rating Buy per il titolo Nexi con prezzo obiettivo a 10 euro, il che implica un aumento di oltre il 70% dall’ultima chiusura di Borsa. Le azioni Nexi quest’anno sono state colpite dalle vendite in quanto il ridimensionamento del settore e l’elevato debito della società (5,4 miliardi di euro) hanno portato gli investitori verso altri lidi.

 

CVC: con Nexi rafforza l’interesse sui pagamenti digitali

CVC recentemente ha mostrato grande interesse per il settore dei pagamenti digitali. Quest’anno ha tentato di acquisire Network International Holdings Plc, ma è stato scavalcato dal fondo canadese Brookfield che si è aggiudicato l’elaboratore di carte di credito mediorientale piazzando un’offerta di 2,2 miliardi di sterline, con un premio del 64% rispetto al prezzo di Borsa precedente all’offerta stessa.

Che le società di pagamento siano bersagli dei grandi fondi lo conferma anche l’acquisizione di una quota di maggioranza di Worldpay – l’unità di Fidelity National Information Service – da parte di GTCR LLC. Mentre Blackstone Inc. e Permira stanno perseguendo una potenziale acquisizione privata di Adevinta ASA, una società europea di annunci con un valore di mercato di 12 miliardi di dollari.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *