Social media: settore in rapido sviluppo, metaverso assist per crescita

Social media: settore in rapido sviluppo, metaverso assist per crescita

Social media: settore in rapido sviluppo, metaverso assist per crescita

Nei giorni scorsi l’interesse degli investitori verso il settore dei social media è tornato forte. A catalizzare l’attenzione l’acquisto di oltre il 9% del capitale di Twitter da parte di Elon Musk. In attesa di capire le idee e i piani del numero uno di Tesla sull’azienda di San Francisco, più di una ricerca evidenzia le attese di crescita per l’intero settore. Aumento degli utenti, incremento delle stime di raccolta di ADV e metaverso potrebbero rappresentare driver importanti per la crescita di Borsa di questi titoli. Nell’Idea d’investimento di Vontobel Certificati di questa settimana (Clicca QUI per iscriverti), vediamo insieme le prospettive per il settore dei social media.

 

Nella scorsa settimana, il settore dei social media ha beneficiato di decisi rialzi dopo la notizia relativa all’entrata di Elon Musk in Twitter. L’Amministratore Delegato di Tesla ha infatti acquistato una quota del 9,2% del social network, diventandone di fatto l’azionista di maggioranza seguito dal fondo Vanguard (8,8%) e da Morgan Stanley (8,4%). Il fondatore della società, Jack Dorsey, detiene solamente il 2,3%. Secondo diversi analisti, il ruolo di Musk all’interno dell’azienda non sarà passivo, ma dovrebbe portare diversi cambiamenti che potrebbero essere un punto a favore per gli utenti finali.

Nel Digital 2022 Global Overview Report, pubblicato da We Are Social e Hootsuite, si legge come nell’ultimo anno gli utenti attivi sui social siano cresciuti del 10,1%, arrivando a 4,62 miliardi di persone: il 58,4% della popolazione. Quest’ultimo dato cresce al 74,8% se si considerano gli over 13 e al 93,4% se si considerano gli utenti di internet. Dal report si legge inoltre come nel 2021 sia aumentato dell’1,4% il tempo speso utilizzando questi servizi, arrivando a 2 ore e 27 minuti al giorno. Lo studio evidenzia inoltre come il numero medio di piattaforme utilizzate sia di 7,5.

Secondo le stime di The Business Research Company, il mercato dei social media potrebbe passare da 223,11 miliardi di dollari nel 2022 a 833,50 miliardi di dollari nel 2026, con un tasso di crescita composto annuo del 39,7%. A spingere questo comparto sono diversi elementi, come le aspettative di crescita nell’adozione degli smartphone e di internet.

Secondo i dati di Statista, le sottoscrizioni di abbonamenti a livello globale per questi dispositivi arriveranno a 7,69 miliardi entro il 2027. Se la popolazione mondiale arrivasse a 8,33 miliardi (stime Nazioni Unite del 2019), significherebbe che il 92% delle persone possiede uno smartphone. Oltre a questo, a spingere il comparto sarà la possibile crescita dei ricavi pubblicitari, grazie soprattutto al crescente ammontare di dati raccolti utile per la profilazione dei potenziali consumatori.

Un altro interessante sviluppo che potrebbe prendere il mondo dei social media è quello relativo al metaverso, un mondo virtuale che è atteso cambiare il modo in cui le persone interagiranno tra loro. Diversi social network (primo tra tutti Meta Platforms) stanno investendo importanti risorse nello sviluppo di questa piattaforma, che potrebbe fornire un altro assist per accelerare la crescita.

 

Meta Platforms: analisi tecnica azioni

Da un punto di vista grafico, le azioni Meta Platforms sono riuscite a rimbalzare dall’area di concentrazione di domanda dei 190 dollari, rompendo la resistenza di breve a 210 dollari e frenando gli acuisti nei pressi dei 240 dollari. Se le quotazioni dovessero riprendere forza ritornando sopra quest’ultimo livello si potrebbe assistere all’inizio di riassorbimento dell’ampio gap down aperto il 3 febbraio 2022. Nel caso in cui ciò dovesse avvenire, i compratori avrebbero la possibilità di portarsi al test dell’area compresa tra i 290 e i 310 dollari. Per tornare a rivedere i top storici si dovrebbe invece verificare una salita oltre i 360 dollari. Viceversa, verrebbe interpretato negativamente una flessione al di sotto dei 210 dollari prima e dei 190 dollari in un secondo momento.

 

Post correlati

Stripe: cos’è e come funziona la piattaforma per inviare e ricevere pagamenti

Space economy: ecco 4 azioni su cui puntare

Tether: cos’è e come funziona la stablecoin ancorata al dollaro USA

Valute: dollaro USA straripante, ma per Putin vince il rublo

Libretti postali dormienti: come evitarne l’estinzione

Lascia un commento