Sulle Borse vendite con guerra Russia-Ucraina, peggiora outlook inflazione
Cerca
Close this search box.

Sulle Borse vendite con guerra Russia-Ucraina, peggiora outlook inflazione

Sulle Borse vendite con guerra Russia-Ucraina, peggiora outlook inflazione

La guerra Russia-Ucraina sta portando volatilità sui mercati internazionali, con nessuna asset class risparmiata dai repentini cambi d’umore degli investitori in base alle notizie provenienti dal campo e dai canali diplomatici. Ecco il punto di Vontobel sui mercati proposto nella sua newsletter settimanale Idea d’investimento (Clicca QUI per iscriverti).

 

Durante la scorsa settimana, le tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina sono esplose con Mosca che ha iniziato l’invasione del territorio Ucraino con missili, artiglieria e incursioni aeree. L’obiettivo di Vladimir Putin sarebbe quello di smilitarizzare il Paese. Le sanzioni alla Russia da parte di USA e alleati non si sono fatte attendere e nelle prossime giornate potrebbe arrivare l’esclusione della Russia dal sistema finanziario globale. Le reazioni sui mercati finanziari alla guerra Russia-Ucraina sono state pesanti: il rublo ha toccato i minimi storici nei confronti del dollaro americano, l’oro ha aggiornato i massimi da settembre 2020, il petrolio WTI ha toccato i 100 dollari e i prezzi del gas in Europa sono cresciuti del 62% (non accadeva dal 2005) mentre le azioni hanno registrato pesanti ribassi.

Tra i settori più colpiti vi è stato sicuramente quello finanziario, che ha pagato l’esposizione in Russia: stando ad un report della Banca dei Regolamenti Internazionali, negli istituti di credito esterni al Paese ci sarebbero 123 miliardi di dollari di capitali russi, senza contare le attività svolte nella Nazione e l’esposizione al debito russo. Dopo le decise vendite dello scorso 24 febbraio, nella serata sono tornati gli acquisti, riportando in particolar modo gli indici di Borsa USA in territorio positivo.

Una problematica che potrebbe aggravarsi con queste tensioni è quella relativa all’inflazione, guidata dall’aumento di prezzo delle materie prime in un contesto in cui dalla BCE arrivano opinioni in merito ad un possibile ritardo dell’inizio delle misure restrittive. Tornando all’indice dei prezzi al consumo, non sono solo i costi dell’energia a salire a causa del conflitto, ma anche quelli del cibo. La Russia è il principale esportatore al mondo di grano, mentre l’Ucraina ha un ruolo significativo nell’export di grano e mais.

Ad essere colpiti sono anche i metalli: secondo un report di S&P Global, Mosca è uno dei principali produttori di alluminio e nickel, oltre a produrre grandi quantità di rame. Le sanzioni potrebbero dunque peggiorare le forniture al mercato globale, che sta già avendo diverse difficoltà di approvvigionamento delle materie prime. Infine segnaliamo un dato interessante arriva da uno studio di LPL Research, che sottolinea come dall’analisi di 20 eventi geopolitici maggiori dalla 2° guerra mondiale sia emerso come le azioni siano riuscite a recuperare tutte le perdite causate dalle tensioni in 47 giorni di negoziazione. 

 

 

FTSE MIB: il quadro tecnico dell’indice con la guerra Russia-Ucraina

Andiamo ora a vedere il quadro tecnico dell’indice di Borsa italiano dopo l’avvio della guerra Russia-Ucraina. Con le vendite del 24 febbraio 2022, le quotazioni del FTSE MIB hanno violato il supporto posto sulla soglia psicologica dei 26.000 punti, aprendo le porte ad un sell-off verso il successivo livello di concentrazione di domanda a 25.000 punti. Se questo sostegno dovesse cedere, si avrebbe la possibilità di assistere ad un nuovo impulso discendente di altri 1.000 punti, con obiettivo del fronte ribassista che a quel punto si sposterebbe sui 24.000 punti. Al contrario, un segnale positivo nel breve periodo si avrebbe con la ripartenza del principale indice di Borsa Italiana oltre i 25.400 punti. Se ciò dovesse accadere, si potrebbe osservare una ripartenza dei corsi nuovamente verso i 26.000 punti. In generale comunque, l’uptrend di medio periodo appare in netta difficoltà. 

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *