Terreni agricoli: ecco un investimento per combattere l'inflazione

Terreni agricoli: ecco un investimento per combattere l’inflazione

Terreni agricoli: ecco un investimento per combattere l'inflazione

Gli investitori hanno trovato un modo per affrontare il problema dell’inflazione negli Stati Uniti: acquistare terreni agricoli. La guerra Russia-Ucraina ha fatto schizzare in alto i prezzi delle materie prime, tra le quali quelle alimentari come grano e mais. Per questa ragione nel Midwest, che è il mercato più maturo e liquido di tutto il Paese, è aumentato l’interesse per i terreni, facendo registrare una crescita del 25-30% del loro valore rispetto allo scorso anno.

Bruce Sherrick, professore di economia dei terreni agricoli e direttore del centro TIAA per la ricerca sui terreni agricoli dell’Università dell’Illinois, ha affermato che non c’è mai stato un interesse così alto come in questo periodo. In base ai dati del Realtors Land Institute, nel mese di marzo gli acquirenti dei terreni agricoli del Midwest erano rappresentati per il 35% da investitori e per il 65% da agricoltori. Una cifra che è quasi raddoppiata rispetto al 2019, quando solo il 18% delle compravendite era effettuato per investimento.

 

Terreni agricoli: ecco come investire

Chi sono gli investitori che stanno puntando sui terreni agricoli? Si tratta soprattutto di gruppi di fondi come TIAA e piani pensionistici pubblici. Secondo il fornitore di dati Preqin, negli ultimi 5 anni oltre 40 fondi hanno raccolto 8,7 miliardi di dollari per investire nell’agricoltura statunitense, che ha raggiunto un mercato complessivo di 3.000 miliardi di dollari.

Gli investitori retail possono effettuare questo tipo di investimento attraverso l’acquisto di fondi specializzati in questo prodotto come Gladstone Land, che ha visto la quotazione delle sue azioni raddoppiare dell’ultimo anno, o come Farmland Partners, fondo di investimento che possiede più di 200 milioni di dollari in terreni e ha raccolto oltre 130 milioni di dollari a marzo, le cui azioni sono cresciute del 21% negli ultimi 12 mesi.

Carter Malloy, fondatore di AcreTrader, una società che permette l’acquisto di partecipazioni in fattorie agli investitori al dettaglio, ha affermato che le richieste sono moltissime e il team di formazione non riesce a stare dietro a tutte. Anche Artem Milinchuk, fondatore della piattaforma di investimento per terreni agricoli FarmTogether, fa notare un boom di richieste, il che ha generato un aumento dei prezzi dei terreni. Giocoforza gli investitori devono cercare di più per trovare un appezzamento interessante.

 

Terreni agricoli: quanto rendono effettivamente

Quanto rendono i terreni agricoli? Secondo i dati riportati dall’NCREIF Farmland Index, che tiene traccia delle partecipazioni di grandi investitori i rendimenti totali, che comprendono anche l’aumento di valore dei prezzi del terreno, hanno raggiunto circa l’11,1% nel 2021.

Nel Midwest, il prezzo dei terreni coltivati è cresciuto molto perché i costi dei prodotti come fertilizzanti e diesel stanno aumentando molto a causa della guerra Russia-Ucraina. Nuveen Natural Capital, una divisione di TIAA, ritiene che la crescita dei prezzi dei terreni agricoli abbia superato oggi i potenziali guadagni, portando i rendimenti degli investitori a diminuire nel corso degli ultimi anni.

 

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

Post correlati

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Stripe: cos’è e come funziona la piattaforma per inviare e ricevere pagamenti

BSN: cos’è e come funziona la blockchain non crittografica della Cina

Obbligazioni: con prezzi in discesa sono un’occasione d’acquisto?

Space economy: ecco 4 azioni su cui puntare

Lascia un commento