Wall Street: segnali di rally di Natale - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Wall Street: segnali di rally di Natale

L'ingresso di Wall Street con le bandiere USA a stelle e strisce

Tutto pronto per il rally di Natale e i rialzi di Wall Street nella passata settimana potrebbero essere un segnale che il mercato sta scaldando i motori. L’argomento è stato approfondito nella newsletter settimanale Weekly Note di Vontobel (QUI per iscriversi gratuitamente).

 

Dalla discesa dei rendimenti dei Treasury è arrivata nuova linfa per i listini statunitensi. Il calo dell’inflazione USA ha azzerato le probabilità di ulteriori rialzi dei tassi e fatto partire le scommesse su quando assisteremo al primo allentamento del costo del denaro da parte della Fed. In un contesto in cui le vendite al dettaglio si confermano toniche, il mercato del lavoro è particolarmente solido ed i conti delle aziende sono in salute (nel terzo trimestre il margine di profitto tra le società dello S&P500 si è attestato all’11,7%, contro l’11,6% dei precedenti tre mesi).

Gli investitori azionari hanno messo in campo acquisti e ricoperture di breve che potrebbero rappresentare l’inizio dei rialzi che in genere caratterizza le settimane che conducono al Natale. Negli ultimi 20 anni, nel periodo che va da oggi alla fine dell’anno, l’S&P500 ha evidenziato un andamento rialzista nell’85% dei casi, con un ritorno medio che ha superato i 4 punti percentuali. Nel caso del Nasdaq i due dati si attestano rispettivamente al 65% ed al 5,3%.

Un altro elemento che gioca a favore del rally di Natale a Wall Street è rappresentato dal lieve allentamento delle tensioni geopolitiche: da un lato il conflitto russo-ucraino sembrerebbe destinato a proseguire per molto tempo e dall’altro le ostilità in Medio-Oriente potrebbero restare circoscritte grazie alla volontà iraniana di restare in disparte. Buone nuove nelle ultime sedute sono arrivate anche dall’incontro tra Biden e Xi. Molto dipenderà, come spesso ci ricordano i banchieri centrali, dai dati: se le indicazioni macro continueranno ad essere “Fed-friendly”, i rendimenti dei Treasury proseguiranno la loro discesa e le ricoperture, unite agli acquisti degli istituzionali (che restano sottopesati), saranno in grado di spingere i titoli nell’ultima parte dell’anno.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *