Azioni USA: per JP Morgan rally è giunto al termine - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni USA: per JP Morgan rally è giunto al termine

Azioni USA: JPMorgan, il rally è giunto al termine

Le azioni USA si accingono a chiudere il primo trimestre dell’anno con un guadagno intorno al 10%, registrando il quinto mese consecutivo in verde. La spinta agli acquisti è stata guidata da diversi fattori, tra cui il grande entusiasmo per l’intelligenza artificiale, gli utili societari che in media hanno battuto le aspettative degli analisti, l’economia americana che si mantiene in salute nonostante le strette monetarie della Federal Reserve e l’aspettativa che la Banca centrale statunitense taglierà i tassi di interesse quest’anno. A ciò potrebbe aggiungersi l’attesa che alle elezioni americane di novembre, Donald Trump riconquisterà il trono alla Casa Bianca dopo quattro anni. Solitamente un presidente repubblicano è gradito ai mercati azionari.

Il capo strategist di JP Morgan Chase, Dubravko Lakos-Bujas, ritiene però che il rally delle azioni USA sia agli sgoccioli. L’esperto consiglia ai clienti di diversificare le proprie partecipazioni da Wall Street, perché un crollo potrebbe arrivare da un momento all’altro, come è successo svariate volte in passato. A suo giudizio, molte notizie positive che fanno potenzialmente da catalizzatori alle azioni americane sono già state scontate dal mercato e le sorprese al rialzo stanno diventando sempre più limitate. Quindi, “ci sono più rischi che aleggiano sullo sfondo”, ha affermato.

L’esperto ha lanciato un alert anche in merito all’eccessiva concentrazione delle performance azionarie alla Borsa americana, con i Magnifici Sette che hanno guidato gran parte dei guadagni. Lakos-Bujas ha portato gli esempi dei crolli di Tesla (-27,63%) ed Apple (-9,98%) quest’anno per descrivere una realtà che potrebbe presto intaccare tutte le altre società del gruppo. “Chi sarà il prossimo e quando?”, ha detto lasciando in sospeso la questione.

 

Azioni USA: JP Morgan tra i pochi ribassisti

Nel 2024 gli strategist di JP Morgan sono stati tra i pochi ribassisti a Wall Street, nonostante il mercato azionario continui a segnare nuovi massimi. Il target della banca americana sull’indice S&P 500 per fine anno è di 4.200 punti, ossia un calo di quasi il 20% rispetto all’ultima chiusura di 5.248. Bisogna dire che, negli ultimi due anni, JP Morgan ha mancato le previsioni. Nel 2022 aveva segnalato rialzi, ma Wall Street chiuse l’anno con uno dei peggiori crolli degli ultimi decenni; mentre nel 2023 l’istituto finanziario più grande del mondo aveva stimato una discesa delle quotazioni azionarie negli Stati Uniti, che viceversa erano rimbalzate del 24,23%, stando alla performance del principale benchmark. Se l’andamento delle azioni USA nel 2024 seguirà la tendenza dei primi tre mesi, per la terza volta gli esperti di JP Morgan farebbero un buco nell’acqua.

Ad ogni modo, anche da Goldman Sachs non c’è molto ottimismo sul mercato azionario a stelle e strisce. Questa settimana, James Ashley, responsabile della strategia del mercato internazionale della banca, ha affermato che i rialzi sono al capolinea. Lo strategist ha tracciato uno scenario in cui l’economia USA si appresta a un atterraggio morbido, con una probabilità quasi nulla che si configuri una recessione. Tuttavia, il mercato ha già scontato tutto nei prezzi delle azioni; di conseguenza, non c’è molto spazio per una continuazione del rally. “Tendiamo a pensare che le azioni statunitensi in questo momento siano valutate in modo equo, ma che il rialzo di queste valutazioni sia limitato. Le migliori opportunità potrebbero essere in altri mercati, come quello indiano e giapponese”, ha detto.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *