Banca Mondiale: i numeri della lotta alla povertà - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Banca Mondiale: i numeri della lotta alla povertà

Un primo piano di Jorge Familiar, vicepresidente e tesoriere della Banca Mondiale

Una missione da far tremare le vene ai polsi. La Banca Mondiale (World Bank) ha l’obiettivo di eradicare la povertà, di promuovere una prosperità condivisa e quindi l’uguaglianza, di permettere a tutti di vivere in un pianeta sostenibile. Utopie, diranno in molti. Altri storceranno il Una foto a mezzo busto di Jorge Familiar, vicepresidente e tesoriere della Banca Mondialenaso pensando alla sede centrale dell’istituzione, a Washington, Stati Uniti. Eppure, se non ci fosse la Banca Mondiale miliardi e miliardi di programmi rivolti a sostenere chi possiede di meno ma più ha bisogno di aiuto, non ci sarebbero. E i progressi fatti negli ultimi decenni nella riduzione della povertà, nell’allungamento dell’aspettativa di vita, nel miglioramento del benessere, sarebbero davvero utopia.

La recente quotazione in Borsa Italiana di un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile della Banca Mondiale, la prima in cinque anni dedicata al retail italiano, è stata l’occasione per uno scambio di idee con Jorge Familiar, Vice President & Treasurer della World Bank (nella foto), che a Borsa&Finanza non ha nascosto le difficoltà della sfida.

 

Numeri contro, gli effetti della pandemia

Secondo i dati del World Inequality Report 2022 il 10% della popolazione più ricca del pianeta possiede il 76% della ricchezza totale, il 50% più povero ne possiede appena il 2%. Secondo l’Oxfam, tra il 2020 e il 2021 l’1% più ricco della popolazione si è accaparrato il 63% della ricchezza netta prodotta globalmente. Il restante 99% si è diviso il 37%.

Sono percentuali che Jorge Familiar ben conosce e sa quale impatto abbia avuto la pandemia su di esse. “Nei decenni prima del Covid – ha spiegato a Borsa&Finanza – abbiamo registrato grandi successi nella riduzione della povertà e nel miglioramento della vita di persone e famiglie. Sfortunatamente questo trend positivo si è interrotto durante la pandemia e a causa di una serie di significative crisi degli ultimi anni che in alcuni casi si sono sovrapposte tra loro”.

La guerra tra Russia e Ucraina e ora il conflitto tra Hamas e Israele, l’aumento dell’inflazione che ha portato i tassi di interesse a livelli molto elevati, l’incremento nell’indebitamento registrato da molte nazioni hanno avuto un effetto negativo sulla povertà e sulla qualità della vita delle persone. “Non per questo dobbiamo arrenderci – riprende Familiar – anzi la Banca Mondiale sta raddoppiando i suoi sforzi e sta rinnovando la sua missione e la sua visione con il nuovo presidente Ajay Banga. Nello scenario che abbiamo descritto dobbiamo essere più agili, dobbiamo ripensare i nostri processi operativi, dobbiamo aumentare il nostro impatto il più possibile. E avremo bisogno di molte più risorse di quelle che già oggi rendiamo disponibili per supportare i Paesi membri nella ricerca di una riduzione della povertà e della disuguaglianza”.

Il grafico a linea mostra la discesa del tasso di povertà, persone che vivono con meno di 2,5 dollari al giorno, in percentuale della popolazione mondiale e a parità di potere d'acquisto tra il 1984 e il 2019.
La discesa del tasso di povertà nei decenni precedenti la pandemia – Persone che vivono con meno di 2,5 dollari al giorno in percentuale della popolazione mondiale e a parità di potere d’acquisto – Fonte: Banca Mondiale

Banca Mondiale: motore finanziario e centro di creazione del consenso

Mettere attorno a un tavolo governi e nazioni e portarli a condividere obiettivi definiti nell’interesse dell’umanità. Già di per sé riuscire a farlo oggi, in un mondo dove la conflittualità è in aumento, rappresenta un successo. Ma è ciò che la Banca Mondiale fa in quanto, come sottolinea Familiar “La Banca Mondiale è come una cooperativa, di cui fanno parte 189 nazioni. Le istituzioni come la World Bank – prosegue – giocano un ruolo estremamente importante nel riunire i Paesi e trovare aree dove si possano raggiungere accordi per portare avanti l’agenda dei suoi obiettivi”. È il potere combinatorio con cui l’istituzione incentiva, motiva e unisce le persone su temi e materie rilevanti.

A questo potere si aggiungono la capacità di produrre lavori analitici e di creare conoscenza sui temi dello sviluppo grazie a uno staff con una conoscenza approfondita del tema e un “motore finanziario” molto potente, come racconta Familiar a Borsa&Finanza: “La Banca Mondiale è il più efficiente motore di mobilizzazione del capitale privato che sia mai stato creato. Dal 1945, anno in cui la Banca Mondiale è stata fondata, abbiamo raccolto oltre mille miliardi di dollari e ne abbiamo forniti oltre 820 miliardi in prestiti per lo sviluppo sostenibile”.

Nel bilancio della World Bank da una parte ci sono le obbligazioni, come quella lanciata un paio di settimane fa su Borsa Italiana, dall’altra ci sono le operazioni si sviluppo sostenibile finanziate da queste risorse. “Ogniqualvolta un investitore compra un nostro bond quello che fa è supportare progetti legati al miglioramento delle condizioni sanitarie, dell’istruzione, della sicurezza idrica e alimentare, e rendere più sostenibili l’energia e i trasporti, per citarne alcuni. Per ogni singolo dollaro che raccogliamo sul mercato c’è dalla parte opposta un portafoglio di prodotti che generano sviluppo sostenibile” conclude il Vice President della Banca Mondiale.

 

L’importanza di un bond da 60 milioni di dollari

Cinquanta miliardi di dollari l’anno. A tanto ammonta il programma di finanziamento medio annuo della World Bank. Denaro che viene raccolto con diverse iniziative rivolte spesso agli istituzionali ma anche, come è accaduto con l’obbligazione recentemente quotata in Borsa Italiana, agli investitori retail.

L’obbligazione, costruita con la collaborazione di BNP Paribas, è la prima rivolta al mercato retail italiano in cinque anni e ha raccolto 60 milioni di dollari. La sua importanza, tuttavia, non sta nella cifra ma nel “mettere in contatto persone con altre persone” sottolinea Familiar, che prosegue: “Alla fine lo sviluppo sostenibile riguarda le persone. Questa emissione è anche un’occasione per raccontare come opera la Banca Mondiale. Siamo molto grati a tutti coloro che ci hanno permesso di portare a termine questa iniziativa, da BNP Paribas alle banche che ci stanno aiutando a distribuire il bond presso i 1.300 investitori coinvolti, la cui volontà di essere parte della nostra importante missione di riduzione della povertà, creazione dell’eguaglianza e della sostenibilità è la cosa più importante”.

AUTORE

Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *