Certificati BNP Paribas: il rendimento diventa ambientale - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Certificati BNP Paribas: il rendimento diventa ambientale

Una foresta di alberi sulla linea d'orizzonte

Con una nuova proposta sul mercato SeDeX di Borsa Italiana, BNP Paribas vuole rendere ancora più stretto il collegamento tra benefici ambientali e investimento in certificati. L’emittente francese ha affiancato alla nuova gamma di Memory Cash Collect su panieri di azioni italiane ed estere un’iniziativa di riforestazione in collaborazione con Reforest’Action. Per ogni 1.000 euro di investimento nella nuova gamma messa in quotazione da BNP Paribas, la società fondata nel 2010 con l’obiettivo di spingere persone e società a intraprendere azioni concrete per sostenere le foreste italiane pianterà o si prenderà cura di un albero. L’iniziativa si affianca a un’emissione di prodotti con contenuti di rischio/rendimento interessanti, costruita su azioni che integrano i principi ESG nelle loro attività e nei loro processi decisionali, selezionate in base ai rating ESG di Moody’s.

 

I profili della gamma di nuovi Memory Cash Collect

I certificati di investimento quotati da BNP Paribas sul mercato SeDeX di Borsa Italiana sono dei classici Memory Cash Collect, ben noti al pubblico degli investitori per le loro caratteristiche di rischio/rendimento particolarmente interessanti. Caratteristiche che vengono confermate nella nuova gamma che propone premi trimestrali compresi tra il 2,5% e il 5,7% – pari rispettivamente al 10% e al 22,8% annuo – anche in caso di andamento negativo del sottostante. Infatti, è sufficiente che il peggiore dei titoli azionari che compongono il paniere quoti a un valore superiore o pari alla Barriera premio per far scattare il pagamento del premio.

Le Barriere sono posizionate al 60% del valore iniziale dei titoli sottostanti (fa eccezione l’ISIN NLBNPIT1HLK2 che ha una Barriera posizionata al 50%). Considerando i livelli minimi pluriennali dei mercati azionari si tratta di livelli molto conservativi e in grado di sopportare eventuali nuove discese delle Borse. Inoltre, a partire dal secondo trimestre di vita dei certificati è possibile ottenere il rimborso anticipato pari al valore nominale (1.000 euro) più il premio relativo al trimestre di competenza e i premi eventualmente non incassati nei trimestri precedenti grazie all’Effetto Memoria di cui sono dotati i certificati se il valore di tutti i sottostanti che compongono il paniere è superiore o pari al rispettivo valore iniziale.

Anche in occasione della scadenza finale del giugno 2025, in caso di mancata scadenza anticipata, lo schema di pagamento previsto dall’emissione dei Memory Cash Collect proposti dall’emittente francese mostra profili di interesse. Infatti, è sufficiente che tutti i titoli che compongono il paniere prescelto quotino a un valore superiore o pari alla Barriera per ricevere il valore nominale, il premio relativo all’ultimo trimestre e i premi eventualmente non pagati in precedenza. Nel complesso, anche in caso di ribassi rilevanti di uno o più sottostanti, l’investitore ha la possibilità di ottenere un guadagno dall’investimento.

Per questo lancio BNP Paribas ha previsto una gamma di quindici certificati su panieri worst of composti da azioni italiane ed estere. Tutti i panieri sono composti da tre titoli, in alcuni casi appartenenti al medesimo settore industriale, in altri casi misti. Per esempio, sono disponibili panieri sul settore finanziario, sull’energia, sulle rinnovabili, sull’health care e sull’information technology. Alcuni panieri sono composti da sole azioni italiane, altri sono misti con titoli quotati su altre Borse europee o negli USA. In quest’ultimo caso, la presenza dell’opzione Quanto neutralizza gli effetti del cambio sul certificato, quotato in euro.

L’emissione di Memory Cash Collect di BNP Paribas ha il suo maggiore punto di forza nel livello delle Barriere premio e a scadenza, che coincidono. Si tratta di Barriere profonde, posizionate al 60% dei valori dei sottostanti che compongono i panieri (tranne che per un certificato dove la Barriera è prevista al 50%). Inoltre sono state calcolate su livelli di quotazione dei mercati estremamente bassi e, in alcuni casi, sono posizionate al di sotto dei minimi storici delle azioni.

 

L’iniziativa congiunta BNP Paribas – Reforest’Action

La nuova gamma di certificati messa in quotazione da BNP Paribas si caratterizza per due aspetti “ambientali”. In primo luogo le azioni vengono selezionate in base al loro profilo ESG, ossia devono integrare nelle loro attività e nei loro processi decisionali interni i principi ESG. La selezione avviene in base al rating fornito da Moody’s. Inoltre, per ogni certificato acquistato del valore nominale di 1.000 euro fino al 5 aprile 2023, Reforest’Action si prenderà cura o pianterà un albero su suolo italiano. Al termine del periodo previsto per l’iniziativa BNP Paribas calcolerà l’ammontare complessivo da versare all’Associazione per la piantumazione e la cura di un albero.

Reforest’Action collabora con BNP Paribas dal 2019. È stata fondata nel 2010 con l’obiettivo di abilitare persone e società a intraprendere azioni per sostenere la riforestazione e la cura delle foreste esistenti. Reforest’Action dispone di una piattaforma digitale che permette di seguire “in diretta” i benefici ambientali portati dalla sua attività. Dalla sua fondazione ha piantato e ha curato oltre venti milioni di alberi. L’impatto della riforestazione è positivo e misurabile a livello ambientale, sia per la riduzione di CO2 sia per la tutela del territorio a livello idrogeologico che di conservazione della fauna. Ogni albero è infatti un rifugio per degli animali, genera ossigeno e assorbe CO2. Per esempio, secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) tra le misure che potrebbero limitare il riscaldamento climatico a 1,5 gradi entro la fine del secolo vi sarebbe la piantumazione di 10 milioni di chilometri quadrati di foreste entro il 2050.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *