Europa: Goldman Sachs, ecco perché gli investitori si stanno allontanando - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Europa: Goldman Sachs, ecco perché gli investitori si stanno allontanando

Europa: Goldman Sachs, ecco perché gli investitori si stanno allontanando

L’Europa desta una certa preoccupazione per Goldman Sachs, soprattutto a causa dell’instabilità politica. Secondo quanto riferito dall’amministratore delegato di Goldman Sachs International, Richard Gnodde, le elezioni in Francia che si terranno nel doppio turno del 30 giugno – 7 luglio rappresenteranno un market event in grado di muovere le quotazioni degli asset finanziari. L’esperto ritiene che sia difficile prevede l’esito del voto e le conseguenze sui mercati, ma l’ipotesi più probabile è quella di “un parlamento sospeso (hung parliament) e guidato da una maggioranza di destra”. Gnodde non esclude nemmeno una vittoria dell’estrema sinistra.

Dopo le elezioni europee del 6-9 giugno, il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha sciolto il parlamento, prendendo atto della disfatta del suo partito Renaissance. Quest’ultimo ora dovrà vedersela con il Rassemblement National di Marine Le Pen, in testa nei sondaggi con il 34% dei consensi, e il Nouveau Front Populaire di estrema sinistra, che nelle intenzioni di voto ha il 28% delle preferenze. Da questa situazione è molto probabile che non emerga una maggioranza parlamentare, il che implica una “Francia esposta a un certo grado di perdurante instabilità” ha sottolineato Gnodde. “Gli investitori globali stavano puntando sull’Europa e, ovviamente, l’instabilità in Francia ha fatto sì che molti di questi investitori riposizionassero i loro portafogli per tenersi in disparte in attesa di vedere come va a finire”.

 

Europa: il raffronto di Goldman Sachs con gli Stati Uniti

L’Europa attualmente è in una situazione diversa rispetto agli Stati Uniti, osserva Goldman Sachs. Nel Vecchio Continente, la Banca centrale europea ha iniziato a tagliare i tassi di interesse, a differenza della Federal Reserve ancora non lo ha fatto. “Il punto chiave è che continuiamo a vedere forza economica negli Stati Uniti” ha affermato Gnodde. Nel frattempo l’inflazione è rimasta ostica e il mercato del lavoro particolarmente robusto, ha aggiunto. Tutto questo ha comportato che i tassi USA non sono stati abbassati. Cosa aspettarsi nella seconda parte del 2024? Gnodde prevede due tagli dei tassi negli Stati Uniti, perché “se si osserva il mercato del lavoro, i dati sull’occupazione continuano a essere positivi, ma se si guarda ai posti di lavoro disponibili, questo numero si sta riducendo rapidamente rispetto a inizio anno”. Quanto all’Europa, “ci aspettiamo che la BCE continui ad abbassare il costo del denaro con altri due tagli entro la fine dell’anno” ha detto l’esperto di Goldman Sachs.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *