Franklin Templeton: ecco l’ETF che investe sui mercati azionari sviluppati - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Franklin Templeton: ecco l’ETF che investe sui mercati azionari sviluppati

Un mappamondo e la mano di una persona che ne indica un punto

Franklin Templeton amplia la sua gamma di ETF azionari inserendo per la prima volta un prodotto che investe su un indice globale FTSE. L’ETF replica infatti il FTSE Developed Index-NR (net return), un indice ponderato per capitalizzazione dei mercati azionari sviluppati globali.

Secondo le stime della Global Research Library dell’asset manager statunitense, i mercati sviluppati al 22 ottobre 2023 rappresentavano il 40% del PIL mondiale e il 74% della capitalizzazione globale del mercato azionario. “Con una sola operazione di trading, gli investitori possono ora accedere a più di 2.000 titoli azionari in 25 economie sviluppate come parte di un ampio portafoglio globale diversificato” ha commentato Caroline Baron, responsabile ETF Distribution EMEA di Franklin Templeton”. Con la nuova quotazione salgono a 21 gli ETF dell’asset manager da 1.600 miliardi di dollari in patrimonio gestito al 31 maggio 2024.

 

Destinato alla parte core del portafoglio

Il Franklin FTSE Developed World UCITS ETF può rappresentare la parte core di un portafoglio di investimento secondo Matthew Harrison, responsabile America (ex-US), Europe e Regno Unito Global Advisory Services di Franklin Templeton. Ciò grazie all’ampia scelta di azioni su cui investe. Il portafoglio “offre un’esposizione azionaria internazionale e altamente diversificata – ha spiegato Harrison – e può rappresentare l’elemento azionario core all’interno di un’allocazione di portafoglio”. Silvia Anselmi, CFA, ETF Sales Italy di Franklin Templeton ha sottolineato la versatilità della soluzione che permette di adottare anche un approccio satellite (ossia non destinato alla parte core del portafoglio), “abbassando il costo complessivo dell’allocazione di portafoglio”. L’ETF è stato quotato su Borsa Italiana il 26 giugno e ha un costo annuo, rappresentato dal Ter, dello 0,09%.

 

Cosa c’è nel portafoglio dell’ETF di Franklin Templeton

Il fondo Franklin FTSE Developed World UCITS ETF ha un Nav di 7,57 milioni di dollari al 26 giugno 2024, è a replica fisica del sottostante con aggiornamento trimestrale ed è ad accumulazione dei profitti. Identificato dal codice ISIN IE000CVOSY02 e dal ticker WORL, ha un portafoglio composto da 1433 azioni (data di rilevazione 26 giugno 2024).

Nonostante la diversificazione elevata, visto che nessuna azione supera il 5% di peso sul totale del portafoglio, si registra uno sbilanciamento geografico verso gli USA che ne coprono il 70% circa. Una sproporzione che è presente anche in altri indici globali e che riflette la preponderanza del mercato azionario USA. A livello globale, quindi non limitatamente ai mercati sviluppati, le Borse americano rappresentano il 40% della capitalizzazione. Dopo gli Stati Uniti, il secondo Paese più rappresentato è il Giappone con il 6,49%, il Regno Unito con il 3,60%, la Francia con il 2,69%, il Canada con il 2,5%. Per quanto riguarda l’intera area euro, il peso complessivo all’interno dell’indice sfiora il 9%.

Come ci si può aspettare, le posizioni di vertice per quanto riguarda l’allocazione azionaria sono appannaggio delle big tech USA. Anche se nessun titolo, singolarmente, pesa oltre il 5%, le 6 big tech USA (esclusa Tesla), rappresentano oltre un quinto (21%) del portafoglio. In particolare, le prime dieci azioni in portafoglio sono le seguenti:

 

  • Microsoft 4,97%
  • Apple 4,58%
  • Nvidia 4,44%
  • Amazon 2,66%
  • Meta Platforms 1,66%
  • Alphabet A 1,60%
  • Alphabet C 1,35%
  • Eli Lilly 1,13%
  • Berkshire Hathaway 1,11%
  • Broadcom 1,07%.

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *