FTSE China 50: PBOC a tutela del settore immobiliare, cosa fare con l'indice?
Cerca
Close this search box.

FTSE China 50: PBOC a tutela del settore immobiliare, cosa fare con l’indice?

Cina: PBOC a tutela del settore immobiliare, cosa fare con l’indice FTSE China 50?

La crisi immobiliare cinese continua a preoccupare il governo, che sta elaborando il progetto di un mega fondo di salvataggio per le società più indebitate a partire da Evergrande, zavorrata da 305 miliardi di dollari di debiti. Ora emerge che la Banca centrale cinese, direttamente coinvolta nel progetto, emetterà mille miliardi di yuan (148 miliardi di dollari) in prestiti per salvare gli sviluppi immobiliari in stallo, dal momento che il mattone incide per il 28% del Pil della seconda maggiore economia al mondo.

La cifra stimata rappresenta oltre tre volte la potenza di fuoco di cui si era discusso fino a qualche settimana fa; del resto, la stessa Evergrande deve gestire la ristrutturazione di un debito pari al doppio dei fondi immaginati. Il governo sta infatti cercando in questo modo di placare gli acquirenti di case che hanno deciso di non pagare più le rate dei mutui dopo lunghi ritardi nella costruzione degli edifici, dal momento che le società costruttrici faticano nei lavori a causa dei forti debiti.
Come funziona il mega piano per salvare il settore immobiliare. Il settore cinese degli immobili rappresenta circa un terzo della produzione totale nella seconda economia più grande del mondo. La prolungata flessione del comparto è stata una causa portante, insieme ai continui lockdown da Covid-19 in tutto il Paese, per cui la crescita è rallentata nel secondo trimestre fino a scendere allo 0,4% su base annua.

La People’s Bank of China dovrebbe emettere inizialmente circa 200 miliardi di yuan di prestiti con un interesse ridotto, addebitando circa l’1,75% all’anno alle banche commerciali statali. In base al piano, recentemente approvato dal Consiglio di Stato cinese, le banche utilizzeranno le linee di liquidità della PBoC insieme ai propri fondi, prestati a tassi di mercato, per rifinanziare i progetti immobiliari in stallo.

 

FTSE China 50 Index: quotazioni stanno scendendo con forza da inizio luglio, atteso un rimbalzo di breve

Acquistabile tramite CFD, l’indice della Borsa cinese FTSE China 50 sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nelle ultime quattro sedute (+1,34%). In realtà si tratta di un timido rimbalzo che proviene da una negatività di fondo iniziata i primi di luglio dopo aver realizzato un quadruplo massimo in area 15.110/15.150. Però, il minimo toccato lo scorso 3 agosto a quota 13.288 fa ben sperare per un recupero dei corsi, almeno di corto respiro. Più precisamente, il primo target obiettivo individuale si trova nell’intorno dei 14.000 punti, dove transita anche la media mobile a 25 periodi.

L’impostazione grafica, infatti, vede i prezzi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre l’indicatore Parabolic Sar è diventato rialzista da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 36, essendo appena uscito dalla zona di “ipervenduto”. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 13.606 con target nell’intorno dei 13.774 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 13.471 con obiettivo molto vicino al livello 13.288.

 


L’andamento di breve termine dell’indice CHINA 50

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *