Gran Bretagna: ecco quanto è costato agli investitori un mese di Governo Truss - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Gran Bretagna: ecco quanto è costato agli investitori un mese di Governo Truss

Gran Bretagna: ecco quanto è costato agli investitori un mese del Governo Truss

Il primo mese del Governo di Liz Truss in Gran Bretagna è stato alquanto burrascoso. La 47enne di Oxford succeduta a Boris Johnson si è trovata davanti un quadro non entusiasmante, con una popolazione fortemente provata dal caro energia come conseguenza della guerra Russia-Ucraina. Per andare incontro a famiglie e imprese affrontando una pesante recessione, il primo ministro britannico ha proposto, insieme al cancelliere Kwasi Kwarteng, un mastodontico piano pluriennale di 161 miliardi di sterline che comprendeva un drastico abbassamento fiscale, in particolare per l’aliquota massima, e un limite all’aumento dei costi energetici.

Sui mercati si è scatenato un putiferio, dal momento che il sostegno al pacchetto arriverebbe da un maggiore indebitamento. La preoccupazione degli investitori è che i conti dello Stato possano entrare in sofferenza. La conseguenza è stata l’impennata del rendimento dei Gilt britannici volati al massimo dalla crisi del 2008, il crollo della sterlina al minimo storico nei confronti del dollaro USA e un violento sell-off sul mercato azionario. Tutto ciò ha costretto dapprima la Bank of England a intervenire con un piano di acquisto di titoli di Stato per due settimane in modo da calmare i mercati e successivamente il Governo a un clamoroso dietrofront sul programma di riduzione fiscale, eliminando la misura che abbassava l’aliquota massima dal 45% al 40%.

 

Gran Bretagna: l’affondo dei mercati è costato oltre 300 miliardi di sterline

Se si dovesse fare un bilancio del Governo Truss dal punto di vista dei mercati finanziari, si potrebbe dire che il passivo sia stato di circa 300 miliardi di sterline, combinando le perdite realizzate da azioni e obbligazioni. Nel dettaglio, l’indice FTSE 350 – comprendente i titoli del FTSE 100 relativi alle esportazioni e del FTSE 250 con riferimento al mercato interno – ha lasciato sul terreno circa 77 miliardi di sterline dal 2 settembre, ultimo giorno di scambi prima dell’avvento di Liz Truss al governo. I Gilt tradizionali e quelli indicizzati all’inflazione hanno perso circa 200 miliardi di sterline nello stesso periodo di tempo. A ciò si aggiungono circa 26 miliardi di sterline andati in fumo riguardo le obbligazioni investment grade e 1,8 miliardi per quanto concerne i junk bond. “Il feedback che riceviamo dagli investitori è che considerano il Regno Unito non investibile finché c’è un tale caos governativo”, ha dichiarato Joachim Klement, stratega di Liberum Capital Ltd.

 

I mercati britannici sono davvero non investibili?

Il capitombolo delle quotazioni fa balenare nella mente degli investitori l’idea che alcune attività siano acquistabili a buon mercato e quindi che valga la pena impiegarvi del capitale. Klement sostiene che nelle azioni della Gran Bretagna sta emergendo del valore sulla scia del sell-off. “Anche se le stime sugli utili societari fossero tagliate di un quarto, il price/earning delle azioni che rappresentano il FTSE 350 e il FTSE 250 sarebbe pari o inferiore alla media di cinque anni”, ha detto.

Anche Victoria Scholar, responsabile degli investimenti di abrdn, ritiene che ci siano delle opportunità per costruire posizioni sulle azioni. “C’è la sensazione che le azioni stiano iniziando a sembrare molto economiche, attirando alcuni investitori opportunisti sul mercato”, ha affermato. Seema Shah, capo stratega globale di Principal Global Investors Ltd, focalizza l’attenzione sul balzo della sterlina, che dal minimo storico di 1,0350 dollari è piombata a ridosso di 1,15 in questi giorni. “Gli aumenti della sterlina potrebbero  dirci che gli investitori credono che l’asse Truss / Kwarteng possa essere allineato”, ha riferito.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *